Company Logo

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Il 5 giugno, nel 205esimo anniversario di fondazione dell'Arma, si celebra la Festa dei Carabinieri. La ricorrenza è un momento di rievocazione e di gratitudine della comunità nazionale che crede nei valori della legalità e della serena convivenza civile. I carabinieri hanno attraversato la storia dell’Italia contemporanea, pagando un caro prezzo nell’impegno per la comunità e distinguendosi in molti atti di eroismo. Basti pensare al sacrificio di Salvo d’Acquisto, innocente ucciso dai tedeschi dopo essersi autoaccusato per salvare la vita a ...

ventidue condannati a morte per rappresaglia, o all’eccidio delle Fosse Ardeatine dove fra le vittime ci furono anche dieci carabinieri. E oggi gli uomini dell’Arma rischiano ancora quotidianamente la loro vita per la sicurezza di tutti.

La data del 5 giugno per la Festa dei Carabinieri è stata scelta in ricordo della giornata del 1920 quando con un decreto alla Bandiera dell'Arma fu assegnata la prima Medaglia d'oro al valor militare per il comportamento tenuto nel corso della prima guerra mondiale. L’istituzione dei Carabinieri risale invece al 13 luglio 1814 quando il re di Sardegna Vittorio Emanuele I di Savoia con le Regie Patenti istituì  il corpo di militari “per buona condotta e saviezza distinti” con compiti sia civili (ordine pubblico e polizia giudiziaria), che militari (difesa della patria e polizia militare). Il nome “carabiniere” deriva dall'arma che ogni militare dell’Arma aveva in dotazione, la carabina, ancora utilizzata fino ad alcuni anni fa esclusivamente nelle cerimonie e ora sostituita dal più moderno fucile d'assalto Beretta AR 70/90. I colori scarlatto e turchino del pennacchio nell’alta uniforme sono stati scelti nel 1833 dal re Carlo Alberto. Dopo l’unità d’Italia, l'8 maggio 1861 i carabinieri si aggiunsero alle suddivisioni tradizionali dell’Esercito e divennero la prima arma, da cui il nome “Arma” per antonomasia.

Numerosi i compiti istituzionali affidati ai militari dell’Arma, dalla difesa della Patria alla salvaguardia delle libere istituzioni e all’intervento in ogni emergenza, dalla partecipazione alle missioni militari e di pace in Italia e all'estero ai compiti di ordine pubblico e sicurezza, agli interventi di protezione civile e di tutela del patrimonio artistico, ai mille impegni quotidiani a tutela dei cittadini. (Felice d’Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nella foto: il monumento all'Arma dei Carabinieri nei Giardini di Sant'Andrea al Quirinale a Roma. L'opera riproduce la celebre composizione dello scultore fiorentino Antonio Berti I Carabinieri nella tormenta del 1973. Alla realizzazione e alla posa dell'opera, costata circa 700mila euro, hanno contribuito ottomila Comuni e un centinaio di associazioni e privati cittadini, una testimonianza corale della gratitudine all'Arma.

 

Galleria degli Artisti

Grandi eventi




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.