Company Logo

Musei Vaticani in rosa

La prima donna della storia a dirigere i Musei Vaticani è l'italiana Barbara Jatta. Con oltre sei milioni di visitatori all’anno, il museo della Santa Sede è il terzo più visitato al mondo, dopo il Louvre di Parigi e il Metropolitan Museum of Art di New York. Dopo vent’anni di attività alla Biblioteca Apostolica - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 27 novembre 1798: Battaglia di Terni, fra le truppe della Prima repubblica francese e l’esercito del Regno di Napoli

* 27 novembre 1941: l'Italia abbandona l'Africa Orientale con la resa di Gondar

INCIPIT L'inizio di ...

La cosa buffa

di Giuseppe Berto

In quel momento di mezzo inverno benché si recasse ogni pomeriggio di sole sulla terrazza del Caffè alle Zattere, vale a dire in un luogo per niente spiacevole e anzi rallegrato dalle scarse cose lieti che si possono trovare in una città umida qual è Venezia durante la brutta stagione, Antonio aveva soprattutto voglia di morire…

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Uno dei simboli più suggestivi dell’Italia unita è «Il bacio», il celeberrimo dipinto dell’artista veneziano Francesco Hayez, considerato il massimo esponente del Romanticismo storico. «Il bacio» è una delle opere italiane che meglio rappresenta la passione e il sogno patriottico degli italiani.

«Il bacio» di Hayez è stato presentato all’Esposizione di Brera del 1859, tre mesi dopo l’ingresso trionfale a Milano di Vittorio Emanuele II e Napoleone III. L’opera, di chiara ispirazione risorgimentale, presenta uno struggente bacio fra due amanti, in un’atmosfera che esprime pericolo (con le ombre che ...

si scorgono oltre il muro) e indica una partenza imminente, suggerita dal piede dell’uomo sul gradino. Nella prima versione tra i colori è presente anche l’azzurro, simbolo della Francia che aveva contribuito alla liberazione del Lombardo-Veneto, ma il colore svanisce nell’edizione del 1861, quando prevalgono i colori nazionali evidenziando l’autonomia ormai raggiunta dall’Italia.

«Il Bacio - spiegano gli esperti del Museo del Risorgimento di Genova - attrasse il pubblico per il tema seducente del dipinto: il momento più poetico dell’incontro tra due persone. Dell’opera si conoscono quattro versioni. La più nota è proprio la redazione tuttora conservata alla Pinacoteca di Brera. La seconda versione è conservata oggi in collezione privata ed è di modeste dimensioni. Una terza versione fu custodita dall’artista per diversi anni e poi presentata all’Esposizione universale di Parigi del 1867. L’opera è ricomparsa in America, in una collezione privata, e aiuta la comprensione del significato politico dell’opera. Di rilievo l’inserto del panno bianco, un velo caduto, che rappresenta una novità accanto alla scelta di un verde acceso per il risvolto interno del mantello dell’uomo, più smorzato nella versione di Brera. Il bianco - che nella scena di Brera era affidato solo alle maniche della donna - con il verde, il rosso della calzamaglia dell’uomo e la veste azzurra, incrociati, sono i colori che vanno a comporre le bandiere delle due nazioni sorelle, Italia e Francia, la cui alleanza aveva reso possibile la vittoria contro gli Asburgo. Ma è la versione del 1861 a rappresentare il raggiungimento dell’ideale unitario. Con l’impresa dei Mille l’Italia aveva dimostrato di poter fare a meno della Francia. Viene quindi tralasciato il riferimento all’azzurro dell’abito femminile, che diventa una veste bianca di seta, per lasciar posto ai soli colori del vessillo del neonato Regno d’Italia».

Icona del Romanticismo, «Il bacio» è stato scelto per la mostra itinerante in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni di unità nazionale. Per due anni l’opera di Hayez è stata presentata in città simbolo del Risorgimento italiano. Attraverso un tour di notevole impatto e suggestione la mostra ha toccato le città d’Italia coinvolte, a diverso titolo, nella vicenda della liberazione dall’Austria e nella costituzione dell’Unità nazionale. Il viaggio è iniziato al Castello di Miramare a Trieste: dopo l’ingresso a Milano di Vittorio Emanuele II e Napoleone III, l’8 giugno 1859, Miramare divenne la sede di Massimiliano d’Asburgo, fratello dell’imperatore Francesco Giuseppe e governatore di Milano, che era stata la capitale del Regno Lombardo Veneto. Seconda tappa è stata Genova, porto d’imbarco della Spedizione dei Mille e «Il bacio» è stato proposto al Museo del Risorgimento, prestigiosa sede espositiva del capoluogo ligure creata nella casa natale di Giuseppe Mazzini. L’esposizione successiva a Firenze ha voluto ricordare la città che ha avuto un ruolo importante nella costruzione della storia unitaria ed è stata la seconda capitale d’Italia. Per le celebrazioni del 2 Giugno, con la partecipazione di rappresentanti di un centinaio di Stati stranieri, «Il bacio» è stato esposto a Roma, capitale d’Italia. Successivamente l’opera di Hayez è stata proposta alle celebrazioni della prima capitale italiana, Torino, con l’esposizione alla Reggia di Venaria.

Francesco Hayez con la sua arte ha espresso le attese e le inquietudini del Risorgimento, epoca di cui il pittore veneziano è stato, con Giuseppe Verdi e Alessandro Manzoni, il maggiore interprete, contribuendo insieme a loro a costruire l’unità culturale del nostro paese, ancora prima che questa divenisse unità politica. A lui le Gallerie di Milano hanno dedicato la più completa e aggiornata esposizione monografica, con tre versioni di «Il bacio», l’immagine che continua a raccontare una grande passione, simbolo del riscatto di un popolo e sintesi di sogni e sacrifici di chi si è battuto e si batte per un’Italia migliore. (Felice d'Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Quel ‘Mare Nostrum’

Una sezione di «Italia Italy - Il bello del Bel Paese» è dedicata a chi vuole contribuire a far emergere i valori  della grande comunità dei 23 popoli che vivono intorno al Mediterraneo, a cominciare dalla pace e dalla cultura. Conoscersi per crescere insieme.

Era il mare di ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Pablo Neruda ha detto che il poeta quello che ha da dire, lo dice in poesia, perché non ha un altro modo di spiegarlo. Io, che faccio l'architetto, la morale non la predico: la disegno e la costruisco». (Renzo Piano, architetto, Genova 1937-*)

EXPLICIT La fine di ...

Tifone

di Joseph Conrad

E noi tutti annuimmo: il finanziere, il contabile, il legale, noi tutti annuimmo sopra il tavolo levigato e lucente che come un’immobile superficie d’acqua scura rifletteva i nostri volti scavati, rugosi; i nostri volti segnati dalla fatica, dalle delusioni, dal successo, dall’amore; i nostri occhi stanchi che cercavano ancora, che cercavano sempre, che cercavano ansiosamente quel qualcosa nella vita che mentre s’aspetta è già fuggito – è passato non visto, in un sospiro, in un baleno – insieme alla gioventù, insieme alla forza, insieme all’incanto delle illusioni.

Galleria degli Artisti

Test 1 Storia del '900

 

Grandi eventi

1 euro per 'Italia Italy'

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.