Company Logo

Cara Italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Forti legami hanno unito Carlo IV (1316–1378), re boemo e imperatore del Sacro Romano Impero, all’Italia. Il sovrano, tra le figure più importanti della storia europea, è sinonimo indiscusso di Repubblica Ceca, ma la mente dei più informati corre anche al nostro paese. Proprio all’imperatore che fece la storia di Cechia si deve un legame antico e profondo con il Bel Paese, che può essere riscoperto con un viaggio a caccia non solo dei monumenti legati al personaggio storico, ma anche sulle tracce dei suoi rapporti con l’Italia e l’Europa. Quali luoghi di Praga ci avrebbe mostrato Sua Altezza nei panni di nostra guida?
 

La Casa alla Campana di pietra: il luogo di nascita di Carlo
Si può iniziare il giro direttamente nel cuore del centro storico di Praga, in piazza della Città Vecchia. Nella sua parte orientale si erge la Casa alla Campana di pietra, uno splendido edificio gotico con l'insegna della casa sull'angolo. Risale al XIII secolo e ...

i genitori di Carlo IV, Giovanni di Lussemburgo ed Elisabetta di Boemia, vissero qui perché all'epoca il Castello di Praga era inagibile a seguito di un incendio. Fu proprio qui, probabilmente, che il 14 maggio 1316 nacque il futuro sovrano. Si possono visitare anche gli interni storici dove la Galleria di Praga Capitale organizza le esposizioni.

Il Ponte Carlo: il più vecchio ponte di Praga
Il Ponte Carlo, originariamente chiamato di Praga o di pietra, deve oggi il nome al suo fondatore, l'imperatore Carlo IV. Gli astrologi calcolarono addirittura il tempo più favorevole per la sua fondazione che ebbe luogo il 9 luglio 1357 alle ore 5 e 31 minuti, ovvero quando la data e l'orario formavano la serie unica ascendente e discendente di numeri dispari 1-3-5-7-9-7-5-3-1. Il ponte misura 518 m, è largo poco meno di 10 m e poggia su 16 piloni. Fu costruito con blocchi di arenaria, la leggenda narra che nella malta si aggiungesse latte e vino. Oggi il Ponte Carlo è decorato da 30 statue e gruppi scultorei ed ha funzione esclusivamente pedonale. Si può scoprire tutto sulla sua storia nel Museo del Ponte Carlo che ha sede in piazza Křižovnickénáměstí, nelle immediate vicinanze della Torre del Ponte nella Città Vecchia.

La Torre del Ponte della Città Vecchia: la galleria della Casata del Lussemburgo
La porta per accedere al Ponte Carlo dalla Città Vecchia, la più bella porta dell'Europa gotica, fu completata prima del 1380. La ricca decorazione scultorea è una celebrazione simbolica del governo della casata del Lussemburgo; qui troverete sia le statue dei costruttori, dei re Carlo IV e di suo figlio Venceslao IV, così come le statue dei Santi Adalberto e Sigismondo, patroni del regno boemo, o quella di San Vito, il patrono della cattedrale di Praga e del ponte.

La statua di Carlo IV in piazza Křižovnickénáměstí
A soli pochi passi dalla Torre del Ponte della Città Vecchia si trova il monumento a Carlo IV costruito nel 1848 in occasione del cinquecentesimo anniversario della fondazione dell'Università Carolina. Con una mano l'imperatore si appoggia alla spada, con l'altra regge l'atto di costituzione dell'università. Intorno lo circondano le allegorie delle quattro facoltà dell'epoca e quattro personalità importanti, gli amici dell'imperatore e i collaboratori più stretti: Arnošt da Pardubice, JanOčko da Vlašim, Matyáš da Arras e BenešKrabice da Weitmühl.

1348: l'anno dell'università e della Città Nuova
Il 1348 fu un anno straordinariamente fortunato e fruttuoso per Carlo come riportato in tutti i testi di storia cechi. In marzo Carlo IV iniziò la costruzione della Città Nuova di Praga il cui centro divenne l'odierna Piazza di Carlo (Karlovonáměstí), successivamente fondò anche la fortezza di Karlštejn e il convento benedettino chiamato Na Slovanech oppure Emauzy. Nell'aprile del 1348 fu fondata l'Alta Scuola di Praga, la prima università dell'Europa centrale che oggi porta il nome del suo fondatore: Università Carolina. Il cuore dell'esteso complesso situato nella Città Vecchia è il Carolinum, la casa dello studente più antica che si sia conservata. Nell'aula magna si tengono gli esami di laurea e le cerimonie, inoltre a volte gli edifici del Carolinum vengono aperti per ospitare esposizioni e concerti. Un altro ricordo dell'epoca di Carlo IV è anche lo splendido bovindo gotico che sporge dall'edificio all'incrocio tra il Mercato ortofrutticolo (Ovocnýtrh) e via Železná.

Il Castello di Praga e la cattedrale di San Vito
Anche il rinnovamento del vecchio palazzo reale del Castello di Praga fu merito di Carlo IV cui dobbiamo, insieme ai costruttori Matyáš da Arras e PetrParléř, la costruzione della cattedrale di San Vito che simboleggia il periodo più alto del gotico nella storia edile di Praga. Il re fece inoltre costruire una nuova tomba reale dove fece portare le spoglie dei re e dei dignitari religiosi boemi. Quale anima e cuore della cattedrale viene considerata la cappella di San Venceslao. Sul portale settentrionale si trova un anello di bronzo al quale, pare, si aggrappò San Venceslao poco prima di morire. La porta nell'angolo sudoccidentale della cappella conduce alla camera della corona dove sono custoditi i gioielli della Corona boema. (CzechTourism)

Grandi eventi

Galleria degli artisti

Sostieni «Italia Italy»

Clicca su Donazione per un piccolo contributo.

Insieme per la cultura, la legalità, il merito, un’Italia migliore.




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.