Company Logo

Intrighi e complotti

Il sindaco di New York è un italo-americano, Bill De Blasio. Il primo cittadino della Grande Mela riassume una lunga storia, legata al sogno americano di generazioni di nostri connazionali. De Blasio ha ottenuto un successo strepitoso, eletto con il 73 per cento di consensi, e nelle sue prime dichiarazioni - LEGGI TUTTO

INCIPIT L'inizio di ...

Stella mattutina

di Ada Negri (1870-1945)

Io vedo – nel tempo – una bambina. Scarna, diritta, agile. Ma non posso dire come sia, veramente, il suo volto: perché nell’abitazione della bambina non v’è che un piccolo specchio di chi sa quant’anni, sparso di chiazze nere e verdognole; e la bambina non pensa mai a mettervi gli occhi; e non potrà, più tardi, aver memoria del proprio viso di allora.
L’abitazione della bambina è la portineria d’un palazzo padronale, in una piccola via d’una piccola città lombarda …

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 26 gennaio 1160: Crema si arrende a Federico Barbarossa

* 26 gennaio 1802: nasce la prima Repubblica Italiana, presieduta da Napoleone Bonaparte

Cara italia, ...

Pagina dopo pagina

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

Premio Nobel per la fisica, Carlo Rubbia è uno dei volti più noti del mondo scientifico italiano e internazionale. La sua attività di ricercatore si è svolta soprattutto al Cern di Ginevra, il più importante laboratorio al mondo per la fisica delle alte energie. Per cinque anni, dal 1989 al 1994, è stato anche direttore generale del Cern, dove ha condotto ricerche di fisica delle particelle elementari ed esperimenti sulle interazioni deboli al sincrociclotrone, al protosincrotone e al collisionatore di ...

fasci protonici. Il suo impegno più importante, con la collaborazione di un centinaio di fisici, ha portato nel 1983 alla scoperta delle particelle responsabili dell’interazione debole, i bosoni vettoriali W+, W− e Z, e alla forza elettrodebole, data dall’unificazione della forza elettromagnetica e della interazione debole. L'interazione debole è uno dei quattro fondamentali campi di forza dell'universo, ossia la gravità, l'elettromagnetismo, l'interazione nucleare forte e l'interazione nucleare debole che opera nel profondo della materia, dove risiedono quark e leptoni. Per questi risultati nel 1984 gli è stato conferito il Premio Nobel insieme all’olandese Simon van der Meer. Per i suoi meriti scientifici, è stato dato il suo nome a un asteroide, il Rubbia 8398, e gli sono state conferite una trentina di laurea honoris causa.  

Nato a Gorizia nel 1934, Carlo Rubbia ha studiato a Udine e Venezia e poi ha frequentato la Normale di Pisa e si è laureato in fisica. Al Cern di Ginevra approda nel 1960, dopo un soggiorno a New York e una serie di impegni alla Columbia University nel Massachussetts e a La Sapienza di Roma. Dal 1971 al 1988 ha insegnato alla Harvard University; nel 1994 ha assunto la direzione dell' International Center for Theoretical Physics di Trieste e poi gli è stata assegnata la cattedra di Complementi di fisica superiore all’Università di Pavia. E’ stato presidente dell’Enea fino al 2005, quando dopo le critiche al Governo Berlusconi per “l’umiliazione che la ricerca sta subendo in Italia” non gli è stato rinnovato l’incarico. E’ passato allora a collaborare con il Ciemat (Centro di ricerca sull'energia, l'ambiente e la tecnologia) in Spagna, è stato presidente della task-force sulle energie rinnovabili con il governo Prodi e dal 2008 è consigliere speciale per l'energia presso la Cepal (Commissione economica delle Nazioni Unite per l'America Latina).

L'attività di ricerca di Rubbia si è estesa a diversi campi della fisica, quali lo studio dei neutrini cosmici, l'analisi della stabilità del protone, il progetto di una fusione nucleare controllata e il progetto di un reattore nucleare basato sull'utilizzo di torio come materiale radioattivo.

Rubbia è spesso intervenuto anche nel dibattito nazionale su temi dai risvolti scientifici, come le recenti polemiche in occasione del referendum sul nucleare. Lo scienziato ha invitato il dottor Umberto Veronesi, sostenitore delle centrali nucleari, a recarsi a Fukushima, esprimendo sul progetto di nuove centrali forti perplessità e inquietudini, già presenti nel suo volume del 1987 II dilemma nucleare. I riflessi delle scoperte scientifiche sulla vita degli uomini lo hanno portato ad acute riflessioni anche sull'esplosione demografica e sugli sviluppi dell'ingegneria genetica. "Per quanto la scienza possa essere ricca di idee e di soluzioni – ha ricordato ai biologi - non potrà mai competere con la crescita esponenziale della popolazione umana. Non ripetete l'errore di noi fisici ai tempi della bomba termonucleare. Non aprite strade che ripetano sbagli da noi già fatti in passato". (Carlo Pozzoli)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Blitz per Mussolini

E’ davvero un bel libro L’ala tedesca sul Gran Sasso - Dal Gran Consiglio del fascismo al blitz dei parà a Campo Imperatore. Antonio Muzi, ricercatore e studioso di storia per pura passione, consegna ai lettori un volume di forte interesse, di scorrevole leggibilità, di grande utilità specie per le giovani ... - LEGGI TUTTO

EXPLICIT La fine di ...

Lolita

di Vladimir Nabokov (1899-1977)

Si doveva scegliere tra lui e H.H., e si doveva lasciar esistere H.H. per un altro paio di mesi almeno, in modo che egli potesse farti vivere nella coscienza delle generazioni successive. Penso agli uri e agli angeli, al segreto dei pigmenti duraturi, ai sonetti profetici, al rifugio dell’arte. E questa è la sola immortalità che tu e io possiamo condividere, mia Lolita.

"Italia Italy" post

«Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla». (Tiziano Terzani, giornalista e scrittore, Firenze 1938-2004)

Galleria degli Artisti

Grandi eventi

Test 3 Storia del '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.