Company Logo

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Vento d’Europa con l’assegnazione del Premio Strega 2018 a Helena Janeczek per il romanzo La ragazza con la Leica. Uno degli eventi più prestigiosi del panorama culturale italiano ha assegnato l’ambìto riconoscimento a una scrittrice nata in Germania da una famiglia di origini ebreo-polacche e naturalizzata italiana per un’opera ambientata nel periodo della guerra civile spagnola. Nel rush finale La ragazza con la Leica, pubblicato da Guanda, ha ottenuto 196 voti. Secondo si è classificato Marco Balzano, autore di Resto qui (Einaudi), con 144 voti; terza Sandra Petrignani con La corsara (Neri Pozza) con 101 voti, seguita da Carlo D’Amicis con Il gioco (Mondadori) con 57 preferenze e da Lia Levi con Questa sera è già domani (E/o) con 55 voti.

Nello splendido e affollatissimo scenario del Ninfeo di Villa Giulia a Roma gli “Amici della domenica” (scrittori, autori, giornalisti, critici, politici, cultori della lettura, ma anche scuole, istituti culturali e circoli di lettura) e un folto gruppo di lettori “forti”, segnalati da librerie associate all’ALI e distribuite in tutta Italia, hanno scelto l’opera che continua una delle più prestigiose avventure letterarie.

Helena Janeczek ha scritto in italiano anche altri romanzi, come Lezioni di tenebra e Le rondini di Montecassino. E’ l’undicesima scrittrice ad aggiudicarsi il Premio Strega, dopo 15 anni in cui il riconoscimento non veniva assegnato a una donna. Con il romanzo che ha vinto il Premio Strega 2018 ha scelto di raccontare la vita della ventisettenne Gerda, “simbolo di una donna libera e indipendente, che ha creduto nelle sue convinzioni”.

La ragazza di Leika racconta la storia di Gerda Taro, la prima fotoreporter della ...

 storia caduta su un campo di battaglia, durante la guerra civile spagnola. Legata a Robert Capa, ha condiviso con lui la passione per la fotografia e l’ansia della libertà, documentando la vita nella Parigi degli anni Trenta e vivendo i rischi della Spagna insanguinata. Sullo sfondo del loro legame professionale e sentimentale scorre la grande crisi economica, l’affermazione dei fascismi e l’ascesa del nazismo, l’odio verso i rifugiati che in Francia colpiva soprattutto ebrei ed esponenti della sinistra. Fatali sono stati i suoi reportage di denuncia dalla Spagna, dove è caduta giovanissima. I funerali, con una straordinaria partecipazione di quanti la consideravano un simbolo, si svolsero a Parigi il primo agosto 1937, proprio nel giorno in cui avrebbe compiuto 27 anni.

Il Premio Strega nasce nel 1947 all’interno del salotto letterario di Goffredo e Maria Bellonci, dove si riunivano gli "Amici della Domenica", un gruppo oggi composto da 400 membri e che allora vedeva la presenza di De Filippo e Pasolini, Moravia e Guttuso, Bontempelli, Piovene, Savinio. Alle radici del Premio Strega c'è l’incantevole storia di amicizia fra l’industriale con la passione per la recitazione Guido Alberti e i coniugi Bellonci. Intellettuali e imprenditori attenti alle tematiche culturali portano alla istituzione del Premio Strega. Il primo vincitore fu Ennio Flaiano con Tempo di uccidere il 16 febbraio 1947, selezionato tra quattordici concorrenti in gara. Negli anni successivi il Premio ha visto la partecipazione dei maggiori autori italiani del secondo Novecento, da Moravia a Eco, da Morante a Pavese, Gadda, Palazzeschi, Silone, Tomasi di Lampedusa. (Felice d’Adamo)

 

HELENA JANECZEK

La ragazza con la Leica

Guanda editore, 2018

Collana: Narratori della Fenice

Pagine: 320

Prezzo: 18 euro.

Eventi Italia

Cara Italia, ...

Galleria degli artisti




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.