Company Logo

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Grandi passioni e spettacolari coreografie all’Arena di Verona con la nuova stagione teatrale di «Opera Festival 2019». In cartellone opere immortali della lirica, ma anche serate-evento come l’ormai tradizionale appuntamento con la grande danza internazionale e, quest’anno, una specialissima Arena Anniversary Night che celebrerà i 50 anni dal debutto areniano di Placido Domingo, chiamato anche a dirigere una serata dell’Aida. Di quest’opera-simbolo dell’Arena abbiamo assistito alla colossale rappresentazione messa in scena per la regia di Gianfranco de Bosio e ispirata ...

al primo allestimento del 1913 di Ettore Fagiuoli. 

Le note immortali delle musiche di Giuseppe Verdi, con la struggente storia raccontata nel libretto di Antonio Ghislanzoni, nel più grande teatro all’aperto del mondo suscitano emozioni e suggestioni senza tempo, nuove a ogni nuova rappresentazione. L’amore, conflittuale e struggente, di Aida e Radamès s’intreccia con storie di potere e ambizioni, rivalità e gelosie, vendetta spietata e generosità estrema. La regia di Gianfranco de Bosio, pur ispirata alla prima edizione del capolavoro verdiano, presenta un “superamento” della messa in scena originaria, in quanto il regista realizza un dettaglio scenico che compariva solo nei bozzetti di inizio secolo: l’imponente velario che nel quarto atto domina la scena finale e copre suggestivamente la tomba di Aida e Radamès. A completamento della messa in scena, il regista ha affidato a Susanna Egri il difficile compito di ricreare le parti coreografiche previste dalla partitura verdiana, di cui non resta alcuna nota storica dal 1913.

Opera colossale in quattro atti, Aida intreccia il dramma personale fino al sacrificio estremo della schiava etiope, figlia del re Amonasro, e una coralità legata agli eventi storici, fra canti e danze, inni fanfare e marce. L’amore segreto di Aida e Radamès, i sospetti e poi la conferma del legame che scatenano gelosia e vendetta nella figlia del faraone portano dalle vicende militari alla tragedia finale. La svolta proprio alla vigilia delle nozze fra Radamès e Amneris, di notte sulle rive del Nilo, nel tempio di Iside. La sacralità avvolge eventi ufficiali, come il velo d’argento steso sul condottiero e la cerimonia di consegna della spada, e drammi intimi fra preghiere e certezze di felicità oltre la tragedia. Nell’oscuro sotterraneo in cui vengono sepolti, Aida e Radamès sono immersi in un mare di luce musicale: annuncio di un mondo ultraterreno nel quale si realizzerà la felicità negata in terra.

La stagione lirica all’Arena propone anche altri grandi opere, come La Traviata, sempre di Giuseppe Verdi, che ha aperto la 97esima stagione lirica ed è stata trasmessa in mondovisione dalla Rai. Il maestro di Busseto è presente quest’anno anche con una terza opera, Il Trovatore, per la regia di Franco Zeffirelli da poco scomparso, mentre Anna Netrebko e Yusiv Eyvazov sono ancora protagonisti rispettivamente nei ruoli di Leonora e Manrico per raccontare in canto una storia di amore e vendetta. In cartellone anche la Carmen di Georges Bizet, con lo struggente grido della libertà nell'allestimento firmato da Hugo de Ana che lo scorso anno ha inaugurato il Festival Lirico, e la Tosca di Giacomo Puccini.

Tra gli eventi speciali dell’Opera Festival domenica 11 agosto ci saranno i celeberrimi Carmina Burana di Carl Orff e a dirigere Orchestra e Coro ci sarà il maestro Ezio Bosso, compositore e pianista innovativo di straordinario talento al suo debutto assoluto in Arena. L’appuntamento con la grande danza - Roberto Bolle and Friends - quest’anno raddoppia e le serate saranno quelle di martedì 16 luglio e mercoledì 17 luglio. Domenica 4 agosto ci sarà Plácido Domingo 50 Arena Anniversary Night, una serata dedicata al grande maestro per celebrare i 50 anni dal debutto areniano. La stagione lirica veronese terminerà il 7 settembre.

Fra le opportunità per gli spettacoli all’Arena c’è anche la possibilità per i docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche statali di utilizzare il bonus di 500 euro della Carta del Docente. Inoltre, fino al 22 settembre, c’è l’iniziativa Waiting for the Opera - L’Opera in mostra: il prestigioso Palazzo della Gran Guardia di Verona ospita una mostra che rende l’opera all’Arena ancora più magica ed emozionante, proponendo un corpus di oltre 140 opere dell’Archivio Storico della Fondazione Arena. L’ingresso alla mostra è incluso in ogni biglietto/carnet del Festival Lirico 2019. 

 

INFO:

Prezzi: da 16,50 a 230 euro, a seconda dei posti, degli spettacoli e delle date.

Biglietteria: Via Dietro Anfiteatro 6/B, 37121 Verona

Call center (+39) 045.8005151 - www.arena.it - Punti di prevendita Geticket

tel. (+39) 045.596517 – fax (+39) 045.8013287 - email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Galleria degli Artisti

Grandi eventi

Cara italia, ...

Brevi annunci gratuiti




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.