Company Logo

Il paese delle streghe

Storie misteriose e terrificanti sono legate a Triora, il paese delle streghe, in provincia di Imperia. Nella Liguria occidentale sono stati numerosi i processi per stregoneria e Triora, nell’Alta Valle Argentina, è stata a lungo protagonista di vicende intrecciate da fantasie e finite in tragedie. Le “bagiue” si aggiravano in … - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 30 maggio 1848: Battaglia di Goito con vittoria dell'esercito sardo sugli Austriaci di Radetzky durante la prima Guerra di indipendenza

* 30 maggio 1924: il deputato socialista Giacomo Matteotti denuncia in Parlamento i brogli elettorali dei fascisti

* 31 maggio 1972: Strage di Peteano con l’uccisione di tre carabinieri, accorsi in seguito a una telefonata

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Fiume (Rijeka) in Croazia e l’irlandese Galway sono le Capitali Europee della Cultura 2020. L'iniziativa "Capitali europee della cultura" è stata ideata per evidenziare la ricchezza e la diversità delle culture in Europa, celebrare le caratteristiche culturali condivise dagli europei, aumentare il senso di appartenenza dei cittadini europei in un'area culturale comune, favorire il contributo della cultura allo sviluppo delle città. Oltre a ciò, l'esperienza ha dimostrato che l'evento è una eccellente opportunità per rigenerare le città, elevare il profilo internazionale delle città, ...

migliorare l'immagine delle città agli occhi dei loro stessi abitanti, dare nuova vita alla cultura di una città, incrementando il turismo. Il progetto delle Capitali Europee ella Cultura, secondo un racconto ormai comune, sarebbe all'aeroporto di Atene nel gennaio 1985, in una giornata di forti venti e voli in ritardo. Seduti nella sala di attesa dell’aereo c’erano l'ex attrice Melina Mercouri, poi il Ministro della Cultura della Grecia, e il suo omologo francese, il carismatico Jack Lang.
Erano freschi di un incontro dei ministri della cultura europea e hanno detto che era un peccato che ci fossero così poche occasioni di questo tipo. Hanno parlato di questo e di quello e, mentre hanno ucciso il tempo in vivaci conversazioni, Mercouri ha avuto l'idea di lanciare una serie di eventi annuali che punterebbero i riflettori sulle città europee e sul loro ruolo nello sviluppo delle culture europee. Lang era entusiasta e così è stata lanciata l'iniziativa Capitali Europee della Cultura.
FIUME, con 200mila abitanti, è la terza città della Croazia. Si trova sul golfo del Quarnero, lungo il corso del fiume Rječina e nelle vicinanze di numerosi corsi d'acqua, riecheggiati nel suo nome. Le origini di Fiume risalgono al Paleolitico e al Neolitico, e i resti di castelli preistorici fino alle età del bronzo e del ferro. Durante la rivoluzione civile del 1848, la città fu annessa alla Banovina della Croazia e il governatore Josip Jelačić ne divenne governatore. Accesa fu la lotta per Fiume tra la Croazia e l'Ungheria. Dopo la Prima guerra mondiale, alla Conferenza di pace di Parigi, su pressione delle altre potenze vincitrici, il presidente del consiglio Vittorio Emanuele Orlando rinunciò a Fiume, che sarebbe dovuta diventare una libera città-stato. In Italia seguì una crisi di governo e l'incapacità di risolvere il problema dei confini orientali e delle colonie portò a un profondo disagio e a parlare di “vittoria mutilata”. Per reazione una forza volontaria irregolare di nazionalisti ed ex-combattenti italiani guidata dal poeta Gabriele D'Annunzio nel settembre 1919 occupò la città in quella che sarebbe passata alla storia come “l'impresa di Fiume”, chiedendo l'annessione all'Italia. Ai costanti rifiuti del governo italiano D'Annunzio proclamò la Reggenza Italiana del Carnaro, uno Stato indipendente in attesa del ricongiungimento alla madrepatria. Liberata nel “Natale di sangue” del 1920, fino al 1924 fu Stato libero di Fiume; dal 1924 al 1945 fece parte del Regno d'Italia, nel 1947 passò alla Jugoslavia e, dopo la dissoluzione della federazione, nel 1991 passò alla Croazia. Oggi Fiume è diventata il centro industriale, commerciale e culturale della Croazia occidentale.

Galway è una città di 80mila abitanti nell'Irlanda occidentale, nella provincia del Connacht. E’ la sesta città più popolosa in Irlanda ed è il "cuore culturale dell'Irlanda" in quanto è associata alla lingua irlandese, alla musica, alle canzoni e alla danza. Il Galway Arts Festival è l'evento clou del "cuore culturale" dell'Irlanda. Galway è una delle città più pittoresche dell'Irlanda ed è caratteristica per le sue stradine aggrovigliate fiancheggiate da vetrine colorate. Abitata da molti studenti, ha un'anima bohémien ed è anche uno dei centri più vivaci dell'isola, con musicisti che si esibiscono nei suoi pub atmosferici e affollano le sue strade. Galway iniziò la sua vita come un villaggio di pescatori e si sviluppò soprattutto nel 13esimo secolo quando passò sotto il dominio anglo-normanno di Richard de Burgo (il Conte Rosso) e furono costruite le mura della città. Probabilmente l'Arco spagnolo, che proteggeva le navi mercantili ormeggiate dalla Spagna, è un residuo delle mura medioevali. Nel 1396, Riccardo II trasferì il potere a 14 "tribù" di famiglie di mercanti; la più potente, la famiglia Lynch, costruì il famoso castello di Lynch, ora sede di una banca. La storia più recente di Galway è possibile ripercorrerla al Museo della città.

Le Capitali Europee della Cultura sono già state designate per i prossimi anni: 2021 Timişoara (Romania), Elefsina (Grecia) e Novi Sad (Serbia, paese candidato); 2022 Kaunas (Lituania) ed Esch (Lussemburgo). (Carlo Pozzoli)

Test 2 Storia del '900

 

"Italia Italy" post

«Abbiamo norme di avanguardia che tutelano e favoriscono l’inserimento dei ragazzi con disabilità: vanno pienamente e concretamente attuate. E’ compito delle istituzioni, in primo luogo, ma tutti siamo chiamati a contribuirvi». (Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana, Palermo 1941-*)

Galleria degli Artisti

Grandi eventi

Sostieni «Italia Italy»




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.