Company Logo

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

E’ Paolo Cognetti, milanese di 39 anni, il vincitore del Premio Strega 2017. Uno degli eventi più prestigiosi nel panorama culturale italiano ha assegnato l’ambito riconoscimento all’autore di Le otto montagne (Einaudi), che nel rush finale si è affermato con un notevole vantaggio (208 voti) sulla seconda classificata (119 voti), Teresa Ciabatti, con La più amata di (Mondadori). Al terzo posto Wanda Marasco (87 voti) con La compagnia delle anime finte (Neri Pozza); poi Matteo Nucci (79 voti) con È giusto obbedire alla notte (Ponte alle Grazie); quinto Alberto Rollo (52 voti) con Un’educazione milanese (Manni).

Le otto montagne racconta la storia di Pietro, un ragazzino di città solitario e un po' scontroso, del suo rapporto con i genitori, con il suo amico Bruno e, soprattutto, con la montagna - l'autore sul palco dello Strega avverte: «"natura" è una parola che usano le persone di città».

La montagna, nella sua scarna bellezza, dura e selvaggia, segna l'anima per sempre ...

 lascia l'impronta in chi vi è nato e in chi l'ha amata. Diventa una categoria dello spirito e, anche quando la si lascia in cerca di un altrove più conveniente, non ci si può mai staccare veramente da essa. Basta un suono, un profumo, e si è risucchiati. È questo che capita ai personaggi del romanzo, che non riescono a farne a meno, e vanno e ritornano, senza mai lasciarla veramente.

È una storia «di padri e figli, di abbandono della civiltà, di libertà della vita selvatica. Ho sempre avuto il ricordo di una grande felicità vissuta da bambino tra i boschi. Qualunque cosa sia il destino abita nelle montagne che abbiamo sopra la testa» (Paolo Cognetti).

Fin dalla sua genesi, Le otto montagne è stato un caso letterario, come ha dimostrato l'appassionata competizione tra le case editrici interessate a pubblicarlo in tutto il mondo: il romanzo infatti è stato tradotto in oltre 30 paesi. Anche la critica ha accolto calorosamente il libro di Cognetti, uscito nel novembre del 2016: è stato definito «un classico, quasi un meteorite di altri tempi dentro un universo a volte in fuga dai grandi temi» da Maurizio Crosetti su «la Repubblica», e dallo «stile trasparente e comunicativo, ma non scialbo, musicale senza cercare l'effetto, preciso e privo di similitudini involontariamente grottesche. […] Cognetti usa un bellissimo italiano» da Paolo Di Paolo su «La Stampa».

«Il Premio Strega - spiegano gli organizzatori - è nato nel 1947 all’interno del salotto letterario di Goffredo e Maria Bellonci, dove si riunivano i suoi frequentatori gli "Amici della Domenica". Oggi il gruppo degli "Amici della Domenica" è composto da oltre 400 membri e tra i primi si possono menzionare De Filippo, Pasolini, Moravia, Guttuso, Bontempelli, Piovene, Savinio. Alle radici del premio Strega c'è una bellissima storia d'amicizia che vede coinvolti gli Alberti fin dall'inizio, nella persona di Guido Alberti, industriale con la passione per la recitazione e buon amico dei coniugi Bellonci. Una storia fatta di passione e fede, sentita più che ragionata. La famiglia Alberti da anni segue con dedizione l'organizzazione dell'evento e supporta gli "Amici della Domenica" dimostrando così di essere una delle aziende italiane più sensibile e attenta alle tematiche culturali. Il primo vincitore del Premio Strega fu Ennio Flaiano con Tempo di uccidere il 16 febbraio 1947 e venne selezionato tra quattordici concorrenti in gara. Negli anni a seguire il Premio ha visto la partecipazione di tutti i maggiori autori italiani del secondo Novecento, da Moravia a Eco, da Morante a Pavese, Gadda, Palazzeschi, Silone, Tomasi di Lampedusa». (Felice d’Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Tutti i vincitori del Premio Strega


1947 - Ennio Flaiano, Tempo di uccidere
1948 - Vincenzo Cardarelli, Villa Tarantola
1949 – Giovanni Battista Angioletti, La memoria
1950 - Cesare Pavese, La bella estate
1951 - Corrado Alvaro, Quasi una vita
1952 - Alberto Moravia, I racconti
1953 - Massimo Bontempelli, L'amante fedele
1954 - Mario Soldati, Lettere da Capri
1955 - Giovanni Comisso Un gatto attraversa la strada
1956 - Giorgio Bassani, Cinque storie ferraresi
1957 - Elsa Morante, L'isola di Arturo
1958 - Dino Buzzati, Sessanta racconti
1959 - Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo
1960 - Carlo Cassola, La ragazza di Bube
1961- Raffaele La Capria, Ferito a morte
1962 - Mario Tobino, Il clandestino
1963 - Natalia Ginzburg, Lessico famigliare
1964 - Giovanni Arpino, L'ombra delle colline 
1965 - Paolo Volponi, La macchina mondiale
1966 - Michele Prisco, Una spirale di nebbia
1967 - Anna Maria Ortese, Poveri e semplici
1968 - Alberto Bevilacqua, L'occhio del gatto
1969 - Lalla Romano, Le parole tra noi leggere
1970  - Guido Piovene, Le stelle fredde
1971 - Raffaello Brignetti, La spiaggia d'oro
1972 - Giuseppe Dessì, Paese d'ombre
1973 - Manlio Cancogni Allegri, gioventù
1974 - Guglielmo Petroni, La morte del fiume
1975 - Tommaso Landolfi, A caso
1976 - Fausta Cialente, Le quattro ragazze Wieselberger
1977 - Fulvio Tomizza, La miglior vita
1978 - Ferdinando Camon, Un altare per la madre
1979 - Primo Levi, La chiave a stella
1980 - Vittorio Gorresio, La vita ingenua
1981 - Umberto Eco, Il nome della rosa
1982 - Goffredo Parise, Sillabario n.2
1983 - Mario Pomilio, Il Natale del 1833
1984 - Pietro Citati, Tolstoj
1985 - Carlo Sgorlon, L'armata dei fiumi perduti
1986 - Maria Bellonci, Rinascimento privato
1987 - Stanislao Nievo, Le isole del paradiso
1988 - Gesualdo Bufalino, Le menzogne della notte
1989 - Giuseppe Pontiggia, La grande sera
1990 - Sebastiano Vassalli, La chimera
1991 - Paolo Volponi, La strada per Roma
1992 - Vincenzo Consolo Nottetempo, casa per casa
1993 - Domenico Rea, Ninfa plebea
1994 - Giorgio Montefoschi, La casa del padre
1995 - M. Teresa Di Lascia, Passaggio in ombra
1996 - Alessandro Barbero, Bella vita e guerre altrui di Mr Pyle, gentiluomo
1997 - Claudio Magris, Microcosmi
1998 - Enzo Siciliano, I bei momenti
1999 - Dacia Maraini, Buio
2000 - Enesto Ferrero, N.
2001 - Domenico Starnone, Via Gemito
2002 - Margaret Mazzantini, Non ti muovere
2003 - Melania Gaia Mazzucco, Vita
2004 - Ugo Riccarelli, Il dolore perfetto
2005 - Maurizio Maggiani, Il viaggiatore notturno
2006 - Sandro Veronesi, Caos calmo
2007 - Niccolò Ammaniti, Come Dio comanda
2008 - Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi
2009 - Tiziano Scarpa, Stabat Mater
2010 - Antonio Pennacchi, Canale Mussolini
2011 - Edoardo Nesi, Storia della mia gente

2012 - Alessandro Piperno, Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi

2013 - Walter Siti, Resistere non serve a niente

2014 - Francesco Piccolo, Il desiderio di essere come tutti

2015 - Nicola Lagioia, La ferocia

2016 - Edoardo Albinati, La scuola cattolica

2017 - Paolo Cognetti, Le otto montagne

Galleria degli Artisti

Grandi eventi

Cara italia, ...

Brevi annunci gratuiti




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.