Company Logo

Verdi, mito italiano

Uno dei simboli dell’Italia nel mondo è Giuseppe Verdi, musicista fra i più coinvolgenti di tutti i tempi, celebrato ogni anno con innumerevoli iniziative e proposto nei più prestigiosi teatri internazionali. Dopo due secoli le sue opere continuano a essere di grande attualità e a suscitare emozioni e ... - LEGGI TUTTO

INCIPIT L'inizio di ...

I ventitré giorni della città di Alba

di Beppe Fenoglio

Alba la presero in duemila il 10 ottobre e la persero in duecento il 2 novembre dell’anno 1944. Ai primi d’ottobre, il presidio repubblicano, sentendosi mancare il fiato per la stretta che gli davano i partigiani dalle colline (non dormivano da settimane, tutte le notti quelli scendevano a far bordello con le armi, erano esauriti gli stessi borghesi che pure non lasciavano più il letto), il presidio fece dire dai preti ai partigiani che sgomberava, solo che i partigiani gli garantissero l’incolumità dell’esodo. I partigiani garantirono e la mattina del 10 ottobre il presidio sgomberò. …

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 10 agosto 1916: a Pola gli Austriaci impiccano il patriota Nazario Sauro

* 10 agosto 1944: le brigate nere uccidono 15 antifascisti a Piazzale Loreto, a Milano

* 11 agosto1944: Firenze insorge e si libera dall'occupazione tedesca

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Il nome di una bambina italiana di dieci anni fra le stelle, con un satellite del sistema Galileo. Antonianna Semeraro è di Martina Franca (Taranto) ed è stata la vincitrice del concorso ''Un disegno spaziale'' indetto dalla Commissione europea e destinato agli alunni nati quando ha preso il via il programma satellitare europeo. Il concorso si è svolto con l’adesione di numerosi bambini dell’Unione europea, fra i quali 1500 italiani. I partecipanti hanno realizzato lavori con le più svariate tecniche pittoriche, dal dipinto al collage, dai colori a olio a quelli acrilici, all’acquarello, ai colori a pastello. Uno dei 27 satelliti ...

della costellazione del sistema di navigazione satellitare Galileo si chiama «Antonianna». Fa parte del programma dell’Unione Europea che mira allo sviluppo di un sistema globale di navigazione più preciso e affidabile dell’attuale Gps.

La ragazzina pugliese è stata premiata a Roma nel corso di una cerimonia che si è svolta presso la sede della rappresentanza della Commissione europea in Italia, alla presenza di numerose personalità legate al mondo dell'infanzia, della cultura e della scienza aerospaziale. Alla premiazione è intervenuto il vicepresidente della Commissione europea, che ha donato alla piccola Antonianna un modellino del satellite che porta il suo nome. Per lo stesso concorso Killian Gatti di Nettuno (Roma) si è classificato secondo e Nicolò Gherardi di Guastalla (Reggio Emilia) terzo. La giuria italiana era formata da quattro membri di grande prestigio: Volker Liebig, direttore del Centro per l'osservazione della terra dell'Agenzia spaziale europea (ESRIN) di Frascati; Ettore Perozzi, fisico e divulgatore scientifico; Federico Taddia, giornalista, autore e conduttore radiofonico e televisivo; Umberto Guidoni, astrofisico e primo astronauta europeo a visitare la Stazione spaziale internazionale.

«La navigazione satellitare e l'osservazione ed esplorazione dello spazio - ha detto il vicepresidente della Commissione europea alla consegna del premio - sono sempre più importanti per i nostri cittadini, per lo sviluppo economico e per la competitività dell'industria europea. Vogliamo promuovere la creatività dei bambini associata a questo settore affascinante che ci proietta nel futuro affinché le nuove generazioni si appassionino allo spazio fin dall'infanzia. Da questo concorso emerge una cosa importante: i primi tre classificati vengono dalla provincia. Questo significa che la provincia italiana ha talmente tante risorse che deve essere seguita meglio. Ritengo perciò che occorra guardare non solo alle grandi città, ma anche alle piccole realtà che offrono risorse enormi all’Italia e all’Europa».

Finora alle selezioni per il progetto spaziale Galileo hanno partecipato 16mila alunni. I primi due satelliti, lanciati da Kuru nella Guyana francese, portano i nomi di due bambini del Belgio e della Bulgaria: Thijs e Natalia. Ora nel sistema di navigazione satellitare Galileo è arrivata «Antonianna». (Anna Ferrero)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’Europa di Ursula

Tedesca, nata in Belgio, europea per cuore e per convinzione, Ursula von der Leyen è la prima donna a ricoprire il ruolo di Presidente della Commissione europea. Gli eurodeputati l’hanno scelta a scrutinio segreto con 383 votati a favore, 327 contrari e 22 astensioni. Nata a Bruxelles nel 1958, Ursula ... - LEGGI TUTTO

EXPLICIT La fine di ...

Il tempo ritrovato

di Marcel Proust

Mi sgomentava il pensiero che i miei trampoli fossero già così alti sotto i miei passi, non mi pareva che avrei avuto la forza di tenere ancora a lungo unito a me, quel passato che già scendeva così lontano. Pertanto, se quella forza mi fosse stata lasciata abbastanza a lungo da poter compiere la mia opera, non avrei mancato anzitutto di descrivervi gli uomini, quand’anche ciò avesse dovuto farli somigliare a esseri mostruosi, come occupanti un posto tanto considerevole, accanto a quello, così angusto, riservato loro nello spazio, un posto, al contrario, prolungato a dismisura, poiché essi toccano simultaneamente, come giganti immersi negli anni, epoche da loro vissute così distanti l’una dall’altra, tra le quali tanti giorni sono venuti a interporsi – nel Tempo.

"Italia Italy" post

«Raccontare ai giornalisti stranieri la politica culturale italiana non è cosa semplice. Bisogna prima di tutto cercare di non ridere». (Alberto Ronchey, giornalista e scrittore, Roma 1926-2010)

Galleria degli Artisti

Grandi eventi

Sostieni «Italia Italy»




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.