Company Logo

Galleria degli Artisti

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Il sindaco di New York è un italo-americano, Bill De Blasio. Il primo cittadino della Grande Mela riassume una lunga storia, legata al sogno americano di generazioni di nostri connazionali. De Blasio ha ottenuto un successo strepitoso, eletto con il 73 per cento di consensi, e nelle prime dichiarazioni ha ricordato con orgoglio le sue radici italiane. Agli inizi del Novecento i suoi nonni, Anna e Giovanni, erano partiti da Sant’Agata dei Goti, un paesino in provincia di Benevento, per far fortuna in America e oggi il primo cittadino della Grande Mela ricorda la sua storia e propone per la sua attività amministrativa un impegno particolare per «quelli che sono rimasti indietro». Il sindaco italo-americano ha chiuso la lunga era di Michael Bloomberg e, dopo vent’anni, ha riportato i democratici alla City ...

Hall newyorkese. Il suo programma, a forti tinte sociali, ha entusiasmato la città, che però valuterà i fatti. «Le battaglie per correggere l’ineguaglianza - ha dichiarato subito dopo la conferma della vittoria - non si vincono in una notte, e non sarà facile, ma combatteremo fino in fondo. Come sindaco non dimenticherò mai che lavoro per voi. Sarò il sindaco di una sola città unita dalle sue diversità che guarda al progresso. Stanotte iniziamo a camminare come una sola città».

Nei ringraziamenti a quanti lo hanno sostenuto ha ricordato, esprimendosi nella nostra lingua, di essere anche italiano. «La nostra città - ha detto  ricordando la sua storia - non deve lasciare nessuno indietro. Grazie di tutto quello che avete fatto, ma il nostro lavoro inizia ora e non abbiamo nessuna illusione sulle sfide che dovremo affrontare».

Bill De Blasio è il quarto italo-americano eletto sindaco nella metropoli statunitense.  Il primo, dal 1934 al 1945, è stato Fiorello La Guardia, originario di Cerignola in provincia di Foggia, che scritto una lunga pagina di storia americana e al quale è dedicato il secondo aeroporto di New York. Dal 1950 al 1953  alla guida della città che non dorme mai è stato scelto Vincent Impellitteri, figlio di un ciabattino di Isnello (Palermo). Dal 1994 al 2001 mayor all’ombra della statua della Libertà è stato eletto Rudolph Giuliani, la cui famiglia era originaria di Marliana, in provincia di Pistoia. Ora nuovamente un pezzo di tricolore sventola alla City Hall della Grande Mela. (Carlo Pozzoli)

Grandi eventi

Cara italia, ...

Brevi annunci gratuiti




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.