Company Logo

Generazione Erasmus

L’Europa è nata dai pellegrinaggi medioevali, secondo il poeta tedesco Goethe, ma oggi vive e si sviluppa grazie a scelte lungimiranti che riassumono i valori di una lunghissima tradizione. I giovani della Generazione Erasmus, che viaggiano e studiano in paesi diversi, sono un valore per l'Europa, come le … - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 22 gennaio 1506: arriva a Roma il primo contingente di Guardie Svizzere che si occuperanno della sicurezza del papa.

* 22 gennaio 1944: inizio dell'Operazione Shingle durante la Seconda guerra mondiale per lo sbarco ad Anzio.

INCIPIT L'inizio di ...

L’uomo che allevava i gatti

di Mo' Yan

(Cina 1955-*)

Un fascio di luce dorata lo inondò, mentre si toglieva il fucile dalla spalla con la mano destra priva di indice. Il sole al tramonto scendeva velocissimo, descrivendo un arco perfetto, e nei campi riecheggiava frammentario un suono simile al riflusso della marea, accompagnato da un respiro triste, a tratti intenso, a tratti debole. Facendo grande attenzione appoggiò il fucile sul terreno coperto di chiazze di muschio della dimensione di monete di rame. Nel deporre l’arma, osservò la terra umida e un immensa tristezza gli serrò il sudore...

Grandi eventi

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

Cadono le foglie ingiallite e arriva la festa di San Martino. L'11 novembre si celebra la ricorrenza del santo e si rievocano antiche tradizioni legate soprattutto alla cultura contadina. «A San Martino ogni mosto diventa vino» è il proverbio che accompagna la degustazione del vino novello proprio in questa circostanza. San Martino è legato anche alla Festa del Ringraziamento al termine della stagione agricola e nel passato l’11 novembre era la data consueta per i traslochi e il rinnovo dei contratti di ...

affitto dei fondi rustici, dei pascoli e dei boschi. In molte località la festa di San Martino è caratterizzata da sagre, fiere, mostre d’arte, convegni sul vino incontri conviviali, spettacoli di canti popolari, degustazioni abbinate a prodotti tipici, pranzi con i vignaioli, passeggiate tra i filari dei vigneti. Molte sono anche le “cantine aperte”, che offrono squisito novello e prodotti tipici della stagione. E “andar per cantine” è per tanti un modo piacevole per trascorrere le giornate, in un’atmosfera che riscalda anche il cuore come la tradizionale tregua del freddo per dare vita all’Estate di San Martino.
San Martino e il vino sono stati cantati in molti componimenti poetici, come la ben nota lirica di Giosuè Carducci La nebbia a gl’irti colli. Ma anche Pablo Neruda, Gabriele D’Annunzio e, nell’antichità, Virgilio e Orazio hanno parlato di questo periodo legato al vino. San Martino e il vino sono protagonisti anche di molti proverbi e canti popolari. Innumerevoli anche i detti legati al vino e tante le raffigurazioni artistiche, come l’affresco con San Martino di Simone Martini, la raffigurazione sulla facciata del Duomo di Lucca, L’investitura di San Martino nella Basilica Inferiore di San Francesco ad Assisi, San Martino e il mendicante di El Greco.

La storia di San Martino affonda le radici in tempi lontani, fra storia e leggenda. Nasce a Sabaria Sicca in Pannonia, l’attuale Ungheria, nel 316 o nel 317. Figlio di un ufficiale romano, passa l’infanzia ed è educato a Pavia e a 15 anni si arruola nella guardia imperiale; successivamente viene inviato in Gallia, poi lascia l’esercito e si batte contro l’eresia ariana; vive per alcuni anni come eremita, diventa vescovo di Tours, fonda uno dei primi monasteri dell’Occidente e muore nel 397.

Da ragazzino ha contatti con i cristiani e, senza che i genitori lo sappiano, frequenta le riunioni dei fedeli e diventa catecumeno. Giovane umile e generoso, la sua vita è legata ad alcune radicate leggende, come quella di tenere puliti i calzari di un suo attendente perché lo considera fratello e quella di donare metà del suo mantello a un medicante vecchio tremante per il freddo gelido. Al gesto del generoso cavaliere segue immediatamente un cambiamento atmosferico e torna un tiepido clima, che si ripete quasi ogni anno, ed è l’Estate di San Martino. Si narra ancora che, la notte dopo il dono del mantello, Martino ha un sogno in cui comprende che il povero era Gesù stesso. Un'altra leggenda è legata alle oche, che fanno scoprire il nascondiglio di Martino che non vuole diventare vescovo: perciò in diversi Paesi europei e in Alto Adige c’è la tradizione di mangiare l’oca a San Martino. Diffusa è anche la processione delle lanterne e la tradizione di tenere accesa la lanterna fino a Natale. Non mancano neanche dolci ispirati alla ricorrenza, come il San Martino in pasta frolla a Venezia. (Felice d'Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

SAN MARTINO

di Giosuè Carducci


La nebbia a gl'irti colli 
piovigginando sale, 
e sotto il maestrale 
urla e biancheggia il mar; 

ma per le vie del borgo 
dal ribollir de' tini 
va l'aspro odor de i vini 
l'anime a rallegrar. 

Gira su' ceppi accesi 
lo spiedo scoppiettando: 
sta il cacciator fischiando 
sull'uscio a rimirar 

tra le rossastre nubi 
stormi d'uccelli neri, 
com'esuli pensieri, 
nel vespero migrar. 

 

Tra vigile e vigilia

Nel viaggio tra le parole italiane alla ricerca del senso perduto oggi ho scelto di partire da una pagina del vocabolario di latino, in cui si trovano le parole legate al verbo vìgeo/vigère. Si tratta di un verbo intransitivo, cioè tale che, per completare il suo significato, non richiede nessun elemento lessicale aggiuntivo ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Gli Stati che aderiscono al presente Trattato riaffermano la loro fede negli scopi e nei principi dello Statuto delle Nazioni Unite e il loro desiderio di vivere in pace con tutti i popoli e con tutti i governi. Si dicono determinati a salvaguardare la libertà dei loro popoli, il loro comune retaggio e la loro civiltà, fondati sui principi della democrazia, sulle libertà individuali e sulla preminenza del diritto». (Preambolo al Trattato della NATO, firmato a Washington il 4 aprile 1949)

EXPLICIT La fine di ...

Dei delitti e delle pene

di Cesare Beccaria

(Milano 1738-1794)

… Da quanto si è veduto finora può cavarsi un teorema generale molto utile, ma poco conforme all'uso, legislatore il più ordinario delle nazioni, cioè: perché ogni pena non sia una violenza di uno o di molti contro un privato cittadino, dev'essere essenzialmente pubblica, pronta, necessaria, la minima delle possibili nelle date circostanze, proporzionata a' delitti, dettata dalle leggi.

Galleria degli Artisti

Test 2 Letteratura ‘900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.