Company Logo

Parise e le comete

«Un giorno d'estate una donna di cinquant'anni con un bellissimo nome greco passò accanto a un fiume e guardando un prato di erba alta con pioppi di là dell'acqua ricordò un bacio...». E’ la protagonista, appunto, di Bacio, una delle cinquantaquattro voci pubblicate da Goffredo Parise (1929–1986) sul … - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 3 dicembre 1315: disastroso terremoto a L'Aquila.

* 3 dicembre 1906: firma a Torino del primo contratto collettivo di lavoro tra il sindacato Fiom e la fabbrica di automobili Itala.

INCIPIT L'inizio di ...

Il giovane Holden

di Jerome David Salinger

(Stati Uniti 1919-2010)

Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com’è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevamo i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, ma a me non mi va proprio di parlarne. Primo, quella roba mi secca, e secondo, ai miei genitori gli verrebbero un paio d’infarti per uno se dicessi qualcosa di troppo personale sul loro conto…

Grandi eventi

Cara italia, ...

Pagina dopo pagina

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

E' italiana la prima donna alla guida del Cern di Ginevra, il più grande laboratorio al mondo dedicato alla fisica delle particelle. La scienziata Fabiola Gianotti è direttrice generale dell’istituto scientifico europeo ed è stata scelta a succedere a Rolf-Dieter Heuer. Nominata nel 2016, è stata confermata nell'incarico fino al 2025 con una decisione mai avvenuta in precedenza e non prevista nello statuto del Cern. Grandi sfide sono all’orizzonte per il mondo della scienza e anche per l’umanità, con oltre quattrocento ricercatori italiani impegnati al Cern di Ginevra alla ricerca della “materia oscura” e dei primi vagiti dell’universo.

Fabiola Gianotti è stata nominata direttrice generale ...

dell'organizzazione scientifica nel corso della 173esima sessione del Consiglio del Cern e poi è stata confermata nell'incarico. La scienziata è stata fra i protagonisti della  scoperta del bosone di Higgs ed è stata preferita agli altri due candidati, il britannico Terry Wyatt dell’università di Manchester e l’olandese Frank Linde del Nikhef, l’Istituto nazionale di fisica subatomica di Amsterdam.

«E' stata la visione della dottoressa Gianotti per il futuro del Cern come laboratorio acceleratore leader a livello mondiale, insieme con la sua profonda conoscenza sia del Cern sia del campo della fisica delle particelle sperimentali che ci hanno portato a questo risultato. Vorrei ringraziare tutti i candidati per aver dato al Consiglio una decisione così difficile da fare, e il comitato di ricerca per tutto il suo duro lavoro negli ultimi mesi», ha spiegato la polacca Agnieszka Zalewska, presidente del Consiglio del Cern. «E’ un grande onore - ha commentato l’interessata - e una grande responsabilità essere stata scelta come direttore generale del Cern. Il Cern è un centro di eccellenza scientifica e una fonte di orgoglio e di ispirazione per i fisici di tutto il mondo. E’ anche una culla per la tecnologia e l'innovazione, una fonte di conoscenza e di educazione e un brillante esempio concreto di cooperazione scientifica a livello mondiale e di pace. Queste attività rendono il Cern una realtà unica, un posto che fa gli scienziati migliori, migliori anche come persone. Mi impegnerò pienamente per mantenere l'eccellenza del Cern in tutti i suoi aspetti, con l'aiuto di tutti, del Consiglio come del personale e degli utenti di tutto il mondo».

Nata a Roma nel 1962 da un geologo piemontese e da una letterata siciliana, Fabiola Gianotti ha seguito gli studi classici e si è appassionata agli antichi autori, alla letteratura e alla storia dell’arte. Si è avvicinata alla scienza affascinata da Einstein e dalla biografia di Marie Curie, che coniugava la vita casalinga con la passione della ricerca. Ha frequentato l’Università Statale di Milano e si è laureata in fisica subnucleare. Riservata, si ritiene una persona normale ma con molta curiosità, ed è stata proprio la curiosità a portarla ai vertici del mondo scientifico internazionale. Le piace cucinare e ama la musica, si è anche diplomata in pianoforte al Conservatorio di Milano. Lavora a Ginevra, ma nel cuore ha l’Italia, “il mio paese, che amo”. Fabiola Gianotti si dichiara credente e ritiene che la scienza e la religione siano due campi separati che non si contraddicono: «L’ordine, la semplicità e l’eleganza della natura - dice - mi avvicinano alla concezione di una mente ordinatrice». La scienziata ritiene il Cern luogo di pensiero e di pace e intende lavorare per la scienza al servizio della pace, convinta che il successo del laboratorio europeo nasca dal ritrovarsi di menti di ogni parte del mondo, anche da paesi in guerra fra loro, fra scienziati di fedi diverse o senza fede alcuna.

Fabiola Gianotti è membro di numerosi comitati internazionali e ha ricevuto molti premi eccellenti. La prestigiosa rivista Time le ha dedicato una celebre copertina presentandola fra le cinque più importanti personalità dell’anno 2012. La speciale classifica Forbes l’ha inserita fra le cento donne più potenti al mondo nel 2013, insieme a solo un’altra italiana, Miuccia Prada. All’inizio del 2014 il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon l’ha nominata tra i 26 scienziati del Comitato scientifico consultivo delle Nazioni Unite. A lei è stato dedicato un asteroide: 214819 Gianotti. Il 6 novembre 2019 la scienziata italiana è stata confermata al vertice della comunità scientifica internazionale che lavora per risalire all'origine dell'universo e preparare il futuro. (Felice d’Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un’Europa più forte per i nuovi scenari internazionali

Le inquietudini del mondo globalizzato, le forti tensioni in aree strategicamente rilevanti, gli attacchi ai valori della democrazia e della libertà, le ricorrenti minacce del terrorismo ripropongono il ruolo dell’Unione Europea che, unita, può giocare un ruolo fondamentale nello scenario internazionale. Il cammino della civiltà ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Noi non contiamo niente, ma dobbiamo operare come se tutto dipendesse da noi». (Teresina di Lisieux, mistica carmelitana, Alençon-Francia 1873-1897)

EXPLICIT La fine di ...

Cavalleria rusticana

di Giovanni Verga

(Vizzini-Catania 1840-1922)

Ei cercava di salvarsi facendo salti disperati all’indietro; ma compar Alfio lo raggiunse con un’altra botta nello stomaco e una terza nella gola. - E tre! Questa è per la casa che tu m’hai adornato. Ora tua madre lascierà stare le galline.

Turiddu annaspò un pezzo di qua e di là fra i fichidindia e poi cadde come un masso. Il sangue gli gorgogliava spumeggiando nella gola, e non poté profferire nemmeno: - Ah! Mamma mia!

Galleria degli Artisti

Test 7 Storia del '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 



 


Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.