Company Logo

Petrarca, ‘Italia mia’

Francesco Petrarca dedica all’Italia il componimento CXXVIII del Canzoniere, Italia mia, benché 'l parlar sia indarno. La canzone viene composta probabilmente tra la fine del 1344 e il 1345, mentre il poeta si trova a Parma e si svolge una guerra per la conquista della città tra Gonzaga e Visconti da una parte   - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 18 settembre 1860: Battaglia di Castelfidardo, l’esercito sabaudo sconfigge le truppe pontificie

* 18 settembre 1938: a Trieste Benito Mussolini presenta per la prima volta le Leggi Razziali

INCIPIT L'inizio di ...

La sonata a Kreutzer

di Lev Tolstoj

Era l’inizio della primavera. Il viaggio durava già da più di un giorno. Nella nostra carrozza salivano e scendevano i passeggeri delle tratte più brevi, ma c’erano altre tre persone, oltre a me, in viaggio sin dalla stazione di partenza: una donna brutta e non giovane, fumatrice, con il volto segnato, un paltò quasi da uomo e un cappellino; un suo conoscente, un tipo loquace sulla quarantina, con bagagli e accessori nuovi e impeccabili; e un signore di bassa statura che rimaneva sulle sue e si muoveva a scatti, ancora piuttosto giovane, ma con capelli ricci precocemente ingrigiti e un singolare scintillio negli occhi che si muovevano con grande rapidità da un oggetto all’altro…

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

E' italiana la prima donna alla guida del Cern di Ginevra, il più grande laboratorio al mondo dedicato alla fisica delle particelle. La scienziata Fabiola Gianotti è direttrice generale dell’istituto scientifico europeo ed è stata scelta a succedere a Rolf-Dieter Heuer. Nominata nel 2016, è stata confermata nell'incarico fino al 2025 con una decisione mai avvenuta in precedenza e non prevista nello ...

statuto del Cern. Grandi sfide sono all’orizzonte per il mondo della scienza e anche per l’umanità, con oltre quattrocento ricercatori italiani impegnati al Cern di Ginevra alla ricerca della “materia oscura” e dei primi vagiti dell’universo.

Fabiola Gianotti è stata nominata direttrice generale dell'organizzazione scientifica nel corso della 173esima sessione del Consiglio del Cern. La scienziata è stata fra i protagonisti della  scoperta del bosone di Higgs ed è stata preferita agli altri due candidati, il britannico Terry Wyatt dell’università di Manchester e l’olandese Frank Linde del Nikhef, l’Istituto nazionale di fisica subatomica di Amsterdam.

«E' stata la visione della dottoressa Gianotti per il futuro del Cern come laboratorio acceleratore leader a livello mondiale, insieme con la sua profonda conoscenza sia del Cern sia del campo della fisica delle particelle sperimentali che ci hanno portato a questo risultato. Vorrei ringraziare tutti i candidati per aver dato al Consiglio una decisione così difficile da fare, e il comitato di ricerca per tutto il suo duro lavoro negli ultimi mesi», ha spiegato la polacca Agnieszka Zalewska, presidente del Consiglio del Cern. «E’ un grande onore - ha commentato l’interessata - e una grande responsabilità essere stata scelta come direttore generale del Cern. Il Cern è un centro di eccellenza scientifica e una fonte di orgoglio e di ispirazione per i fisici di tutto il mondo. E’ anche una culla per la tecnologia e l'innovazione, una fonte di conoscenza e di educazione e un brillante esempio concreto di cooperazione scientifica a livello mondiale e di pace. Queste attività rendono il Cern una realtà unica, un posto che fa gli scienziati migliori, migliori anche come persone. Mi impegnerò pienamente per mantenere l'eccellenza del Cern in tutti i suoi aspetti, con l'aiuto di tutti, del Consiglio come del personale e degli utenti di tutto il mondo».

Nata a Roma nel 1962 da un geologo piemontese e da una letterata siciliana, Fabiola Gianotti ha seguito gli studi classici e si è appassionata agli antichi autori, alla letteratura e alla storia dell’arte. Si è avvicinata alla scienza affascinata da Einstein e dalla biografia di Marie Curie, che coniugava la vita casalinga con la passione della ricerca. Ha frequentato l’Università Statale di Milano e si è laureata in fisica subnucleare. Riservata, si ritiene una persona normale ma con molta curiosità, ed è stata proprio la curiosità a portarla ai vertici del mondo scientifico internazionale. Le piace cucinare e ama la musica, si è anche diplomata in pianoforte al Conservatorio di Milano. Lavora a Ginevra, ma nel cuore ha l’Italia, “il mio paese, che amo”. Fabiola Gianotti si dichiara credente e ritiene che la scienza e la religione siano due campi separati che non si contraddicono: «L’ordine, la semplicità e l’eleganza della natura - dice - mi avvicinano alla concezione di una mente ordinatrice». La scienziata ritiene il Cern luogo di pensiero e di pace e intende lavorare per la scienza al servizio della pace, convinta che il successo del laboratorio europeo nasca dal ritrovarsi di menti di ogni parte del mondo, anche da paesi in guerra fra loro, fra scienziati di fedi diverse o senza fede alcuna.

Fabiola Gianotti è membro di numerosi comitati internazionali e ha ricevuto molti premi eccellenti. La prestigiosa rivista Time le ha dedicato una celebre copertina presentandola fra le cinque più importanti personalità dell’anno 2012. La speciale classifica Forbes l’ha inserita fra le cento donne più potenti al mondo nel 2013, insieme a solo un’altra italiana, Miuccia Prada. All’inizio del 2014 il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon l’ha nominata tra i 26 scienziati del Comitato scientifico consultivo delle Nazioni Unite. A lei è stato dedicato un asteroide: 214819 Gianotti. Il 6 novembre 2019 la scienziata italiana è stata confermata al vertice della comunità scientifica internazionale che lavora per risalire all'origine dell'universo e preparare il futuro. (Felice d’Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Amore e violenza

Sulle quiete e dolci acque del Lago d’Iseo di tanto in tanto, tra primavera ed estate, si scatena la sarneghera. Una violenta tempesta di vento che scuote il Sebino e i paesi che lo circondano provocando danni ingenti e suscitando paure, tradotte nei secoli in leggenda. L’evento, dai toni cupi ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Sentirsi comunità significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri. Significa “pensarsi” dentro un futuro comune, da costruire insieme. Significa responsabilità, perché ciascuno di noi è, in misura più o meno grande, protagonista del futuro del nostro Paese. Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore». (Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana, Palermo 1941-*)

EXPLICIT La fine di ...

Il piacere

di Gabriele D’Annunzio

Andrea fuggì, quasi folle. Prese la via del Quirinale, discese per la Quattro Fontane, rasentò i cancelli del palazzo Barberini che mandava dalle vetrate baleni; giunse al palazzo Zuccari.

I facchini scaricavano i mobili da un carretto, vociando. Alcuni di costoro portavano già l’armario su per la scala, faticosamente.

Egli entrò. Come l’armario occupava tutta la larghezza, egli non poté passare oltre. Seguì, piano piano, di gradino in gradino, fin dentro la casa.

Galleria degli Artisti

Test 1 Letteratura 900

 

Grandi eventi

Sostieni «Italia Italy»

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.