Company Logo

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 7 gennaio 1313: Cangrande I della Scala sconfigge i padovani a Camisano Vicentino (Vicenza).

* 7 gennaio 1797: a Reggio Emilia nasce la Bandiera Italiana.

* 7 gennaio 1935: Benito Mussolini e il ministro degli esteri francese Pierre Laval firmano l'Accordo franco-italiano.

INCIPIT L'inizio di ...

Cristo si è fermato a Eboli

di Carlo Levi

(Torino 1902-1975)

Sono passati molti anni, pieni di guerra, e di quello che si usa chiamare la Storia. Spinto qua e là alla ventura, non ho potuto finora mantenere la promessa fatta, lasciandoli, ai miei contadini, di tornare fra loro, e non so davvero se e quando potrò mai mantenerla. Ma, chiuso in una stanza, e in un mondo chiuso, mi è grato riandare con la memoria a quell’altro mondo, serrato nel dolore e negli usi, negato alla Storia e allo Stato, eternamente paziente; a quella mia terra senza conforto e dolcezza, dove il contadino vive, nella miseria e nella lontananza, la sua immobile civiltà, su un suolo arido, nella presenza della morte …

Ignoranti crescono

«È chiaro ormai da molti anni che alla fine del percorso scolastico troppi ragazzi scrivono male in italiano, leggono poco e faticano a esprimersi oralmente. Da tempo i docenti universitari denunciano le carenze linguistiche dei loro studenti (grammatica, sintassi, lessico), con errori appena tollerabili in ... - LEGGI TUTTO

Grandi eventi

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

Il patrimonio artistico italiano si è formato in ampia parte nel Rinascimento, uno dei periodi di maggiore splendore della lunga storia del nostro Paese. Sviluppata sulle radici dell’Umanesimo e del recupero dell’antichità classica, l’epoca d’oro della cultura italiana parte da Firenze e si sviluppa in tutta Europa tra la fine del XIV secolo e la fine del XVI secolo. Dalla Firenze dei Medici il movimento culturale si estende alla corte papale di Pio II e Leone X, alla corte ...

napoletana aragonese di Alfonso I, alla Milano di Ludovico il Moro, alla Ferrara degli Estensi, alla Urbino di Federico da Montefeltro, alle altre corti minori ma con artisti di primo piano. Il Rinascimento si snoda tra la ripresa del platonismo e una fede nell’uomo ispirata al mondo classico che, pur non negando la religiosità fonda su cause naturali l’ordine istituito da Dio. Nuovi spazi si aprono con l’autonomia della cultura dalla religione, una visione laica della vita, una ricerca più libera e “scientifica” che portano, fra altri eccezionali traguardi, alla rivoluzione copernicana e alle scoperte geografiche.

Con Brunelleschi per l’architettura, Donatello per la scultura, Masaccio per la pittura si avvia un radicale rinnovamento della tradizione artistica, che giunge a una applicazione razionale degli strumenti matematici e geometrici e a una rigorosa applicazione delle proporzioni con la prospettiva. Rilevante è anche l’indagine psicologica che si esprime nella galleria di personaggi reali e simbolici presenti in numerosi dipinti.

L’affermazione della borghesia e, a livello politico, delle Signorie porta le famiglie aristocratiche più potenti a un’intensa attività edilizia e urbanistica, ispirata all’eleganza, che consente la riqualificazione di molte città. L’incontro tra la cultura classica latina e le nuove classi dirigenti, lo sviluppo dell’economia e dei commerci, il gusto dell’eleganza e della raffinatezza portano a risultati eccezionali. Filippo Brunelleschi studia le soluzioni tecniche romane per la costruzione della cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze. Leon Battista Alberti si ispira al Colosseo per Palazzo Rucellai, incorporando tre diversi ordini classici e sostituendo le lesene alle colonne. A Roma Donato Bramante elabora il primo progetto della nuova Basilica di San Pietro, che poi sarà ripreso e modificato da Michelangelo e Carlo Maderno; la cupola ogivale e a costoloni riprende lo sviluppo della cupola del Duomo di Firenze. Variazioni su temi classici, insieme all’attenzione per la simmetria e le proporzioni, caratterizzano le realizzazioni delle ville venete, in cui domina il genio di Andrea Palladio. Le teorie palladiane, esposte nei Quattro libri dell'architettura, influenzano numerosi artisti anche in Europa e in America.

L’arte rinascimentale si esprime anche in tante chiese, rocche, edifici pubblici e in splendide sistemazioni urbanistiche, come la Piazza Ducale di Vigevano. L’architettura civile porta alla realizzazione di numerosi palazzi privati: fra i tanti, ricordiamo Palazzo Medici di Michelozzo Michelozzi e Palazzo Strozzi Palazzo di Benedetto da Maiano a Firenze, Palazzo Diamanti di Biagio Rossetti a Ferrara. Grande rilievo ha anche l’architettura militare. Leonardo è al servizio di Cesare Borgia come architetto e ingegnere militare e realizza schizzi progettuali di fortificazioni e disegni di complicate macchine belliche. L’influenza di Francesco di Giorgio Martini  è evidente nei castelli di Taranto e di Otranto.

Eccezionale è lo sviluppo delle arti figurative. Lunghissimo è l’elenco degli artisti che operano in questo eccezionale periodo culturale. A Firenze sono attivi, fra gli altri, Lorenzo Monaco, Gentile da Fabriano, Filippo Lippi, Beato Angelico, Domenico Veneziano, Paolo Uccello, Andrea del Castagno, Piero della Francesca, Michelangelo; a Roma operano Benvenuto Cellini, Rosso Fiorentino, Parmigianino, ritroviamo Michelangelo, arrivano Bramante e Raffaello; in Veneto tra  la folla di artisti troviamo Donatello, Sansovino, Tintoretto, Veronese, Giorgione, Jacopo Bellini, Antonello da Messina; a Milano con gli Sforza svolgono un’intensa attività Bramante e Leonardo; a Mantova, presso i Gonzaga, operano Leon Battista Alberti e Andrea Mantegna. Numerosi gli artisti, anche stranieri, che lavorano anche presso altre corti italiane. Ci siamo limitati a citare solo alcuni nomi per una realtà artistica di primissimo piano, illustrata in volumi che riempiono intere biblioteche.

Forse solo un nuovo Rinascimento, che punti sulla cultura, sull’arte e sulla creatività, potrà ridare un ruolo da protagonista all’Italia nel mondo globalizzato, dove è troppo piccola per competere con i colossi tradizionali ed emergenti, ma dove con la bellezza paesaggistica potrà far valere il patrimonio culturale e artistico che non ha uguali al mondo. (Felice d'Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

"Italia Italy" post

«Coltivo una rosa bianca, / in luglio come in gennaio, / per l’amico sincero / che mi porge la sua mano franca. / E per il crudele che mi strappa / il cuore con cui vivo, / né il cardo né ortica coltivo: / coltivo la rosa bianca». (José Martì, scrittore e politico cubano, L’Avana 1853-1895)

EXPLICIT La fine di ...

I racconti di Sebastopoli

di Lev Nikolaevič Tolstòj

(Russia 1828-1910)

… A chi nuota vicino a riva si può benissimo dire: “Tienti a quella sporgenza, a quel promontorio, a quella torre” e così via.

Ma viene il momento in cui il nuotatore si è allontanato dalla riva, e devono e possono servirgli da guida soltanto le stelle, e la bussola che indica la direzione.

E a noi sono state date sia le une che l’altra.

A Praga con Carlo IV

Forti legami hanno unito Carlo IV (1316–1378), re boemo e imperatore del Sacro Romano Impero, all’Italia. Il sovrano, tra le figure più importanti della storia europea, è sinonimo indiscusso di Repubblica Ceca, ma la mente dei più informati corre anche al nostro paese. Proprio all’imperatore che fece la storia ... - LEGGI TUTTO

Galleria degli Artisti

Sostieni «Italia Italy»

 

 

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.