Company Logo

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 23 giugno 1607: apparizione della Madonna ad Ardesio (Bergamo)

* 23 giugno 1939: accordo tra Italia e Germania che consente ai cittadini dell’Alto Adige di lingua tedesca di rinunciare alla cittadinanza italiana e di trasferirsi nel terzo Reich

INCIPIT L'inizio di ...

Piccolo mondo antico

di Antonio Fogazzaro

(Vicenza 1842-1911)

Non rispondeva che l'eguale, assiduo tuonar delle onde sulla riva, il cozzar delle barche fra loro. Non c'era, si sarebbe detto, un cane vivo in tutto Casarico. Solo una vecchia voce flebile, una voce velata da ventriloquo, gemeva dalle tenebre del portico:

«Andiamo a piedi! Andiamo a piedi!»

Finalmente il Pin comparve dalla parte di San Mamette.

«Oh là!», gli fece Pasotti alzando le braccia. Quegli si mise a correre…

La musica del mare

Estate: voglia di mare, di relax, di sogni. Nasce dall’acqua la vita e il mare è stato cantato da tutti, da sempre. Il mistero degli abissi, la vita che nasce e si differenzia, l’incanto di uno sguardo senza confini, l’orizzonte che unisce acque e cielo, la calma, l’irrequietezza, la tempesta: il mare è tutto … - LEGGI TUTTO

Cara italia, ...

Grandi eventi

Pagina dopo pagina

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

Il primo marzo anche in Italia le comunità della Bulgaria, della Romania, della Moldova e della Macedonia celebrano la Primavera dei Balcani in bianco e rosso. Per dare il benvenuto alla nuova stagione c'è lo scambio simbolico di un piccolo portafortuna, che in Bulgaria chiamano Martenitza, in Romania e Moldavia Mărtisor, in Macedonia Martinki. Si tratta di un piccolo oggetto fatto di fili rossi e bianchi di cotone o lana, realizzato in braccialetti, nappe, piccole bambole di stoffa, denominate Penda (la femmina) e Pizho (il maschio). Lo scambio della Marteniza, una delle più popolari e antiche usanze nei Balcani, ...

è anche un dono a Baba Marta (in Romania è la figura di Baba Dochia), come auspicio che la mitica vecchina faccia andare via il freddo e porti la primavera.

La Marteniza/Mărtisor è il simbolo dell’inverno che finisce e dell’arrivo della primavera. I colori della Marteniza simboleggiano il bianco della neve che si scioglie e il sole che scalda le giornate e i cuori; simboleggiano anche i capelli bianchi della vecchiaia e le sue guance rosse, e sono l’augurio per una lunga vita in buona salute. Il filo rosso e bianco con un amuleto (uno scudo in oro o argento, una conchiglia) un tempo veniva legato dai genitori al polso dei piccoli, offerto dai giovanotti alle ragazze oppure scambiato tra ragazze con l’augurio di buona fortuna, di salute ‘come l’argento lucido, la pietra del fiume, una conchiglia nell’acqua‘. Con il passare del tempo il piccolo scudo è stato sostituito da vari oggetti, in oro o argento, con degli amuleti dai significati più svariati, a volte seri, a volte sentimentali o divertenti.

La Marteniza è anche un simbolo di pace e il nome richiama il dio Marte, legato alla guerra e alla primavera: anticamente in primavera con il bel tempo si scatenavano le guerre e il rosso simboleggia il sangue che riprendeva a scorrere, mentre il bianco ripropone il pallore delle donne per la partenza dei loro uomini alla guerra. Secondo una leggenda, il mitico fondatore del primo stato bulgaro Khan Asparuh, prima della partenza per una battaglia che si annunciava molto dura, promise alla sua giovane moglie che, finita la guerra, le avrebbe mandato un piccione con un filo bianco per comunicarle la vittoria. In battaglia Khan Asparuh rimase ferito al braccio e mentre legava il filo di lana bianco alla zampina del piccione il sangue lo colorò di rosso. Così sarebbe nata la prima Marteniza come simbolo di vittoria e di prosperità.

La Festa della Marteniza, celebrata nei Balcani il primo marzo, è antica: si sarebbe affermata già nel IX secolo fra le popolazioni bulgare e si è poi estesa anche in altri paesi, particolarmente in Romania e nella Repubblica Moldova. Oggi la tradizione rivive portando la Marteniza sul braccio sinistro o alla sinistra del corpo, dalla parte del cuore: la si regala all’inizio di marzo a chi si vuol bene e si indossa fino ai primi segni della primavera, quando si scorge il volo di una rondine o di una cicogna oppure un albero in fiore o una rosa che sboccia. All’arrivo della primavera, non oltre però la fine di marzo, la si mette sotto una pietra o la si appende a un albero, esprimendo un desiderio.

Il Martisor è stato inserito Patrimonio immateriale dell’umanità nel 2017. Con la libera Europa la suggestiva tradizione orientale della Marteniza è giunta anche in Italia e a Milano si festeggia la “Primavera dei Balcani in bianco e rosso” con varie manifestazioni e laboratori di Marteniza/Martisor/Martinki. Prima della pandemia a Milano erano in tanti a ritrovarsi per ballare e condividere i valori e le tradizioni culturali delle comunità balcaniche. Ora che le iniziative sono limitate per il Covid19 più struggenti sono la memoria e l'ansia della primavera, non solo atmosferica. (Felice d’Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

"Italia Italy" post

«Non sarò mai abbastanza cinico / da smettere di credere / che il mondo possa essere / migliore di com'è.
Ma non sarò neanche tanto stupido / da credere che il mondo / possa crescere / se non parto da me».
(Brunori Sas, cantautore, Cosenza 1977-*)

EXPLICIT La fine di ...

Il tempo ritrovato

di Marcel Proust

(Francia 1871-1922)

Mi sgomentava il pensiero che i miei trampoli fossero già così alti sotto i miei passi, non mi pareva che avrei avuto la forza di tenere ancora a lungo unito a me, quel passato che già scendeva così lontano. Pertanto, se quella forza mi fosse stata lasciata abbastanza a lungo da poter compiere la mia opera, non avrei mancato anzitutto di descrivervi gli uomini, quand’anche ciò avesse dovuto farli somigliare a esseri mostruosi, come occupanti un posto tanto considerevole, accanto a quello, così angusto, riservato loro nello spazio, un posto, al contrario, prolungato a dismisura, poiché essi toccano simultaneamente, come giganti immersi negli anni, epoche da loro vissute così distanti l’una dall’altra, tra le quali tanti giorni sono venuti a interporsi – nel Tempo.

Ciak con tante storie

Sfumature della Repubblica Ceca dal grigio al rosa, tra storie del passato e storie d’amore. C’è una Repubblica Ceca immortale, catturata da pellicole cinematografiche intramontabili e sempre più spesso dai ciak più recenti. A volte al naturale, spesso rimaneggiati per essere spacciati per altri luoghi ... - LEGGI TUTTO

Galleria degli Artisti

Test 6 Storia del '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 



 


Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.