Company Logo

Galleria degli Artisti

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Domenica di arte, cultura e spazi di bellezza con la «Giornata FAI d’Autunno», il 15 ottobre. Il Fondo Ambiente Italiano (FAI) ha organizzato eccezionalmente l’apertura al pubblico di oltre 600 beni in tutte le regioni. Sono impegnati 3.500 volontari del FAI in 185 città di tutta Italia con 170 itinerari tematici che guideranno alla scoperta di palazzi, chiese, castelli, giardini, teatri, architetture industriali, antichi borghi e quartieri cittadini. Grande festa dedicata ai beni culturali, la Giornata d’Autunno è un’occasione unica per visitare luoghi solitamente chiusi al pubblico e guardare con occhi diversi il volto delle nostre città, sentendosi parte di un’Italia orgogliosa della bellezza del proprio patrimonio di arte e natura e impegnata a proteggerlo e valorizzarlo.

Per le visite si chiede un contributo libero suggerito dai volontari (2, 3 o 5 euro a seconda del luogo). L’intero ricavato della manifestazione sarà devoluto al raggiungimento degli scopi definiti dallo Statuto del FAI. Per conoscere i luoghi della propria regione aperti al pubblico accedere al sito Internet: https://www.giornatefai.it/luoghi. Il 15 ottobre parte l'iniziativa “Ricordiamoci di ...

salvare l'Italia”. «L'Italia - evidenzia il presidente del FAI, Carandini - è un luogo speciale di un pianeta senza confronto. Essa è la prima patria degli Italiani, ma è anche la seconda patria di tutti gli altri popoli. Infatti essi desiderano visitarla, perché in lei sta il segreto dell'origine dell'Occidente che, soprattutto con scienza, tecnologia, economia e bellezza, è diventato ormai una componente rilevante anche dell'Oriente, del Settentrione e del Meridione: insomma di tutto il globo. Si può salvare l'Italia con azioni istituzionali della cosa pubblica, ma anche con azioni sussidiarie della società civile, come vuole l'articolo 118 della Costituzione.
Tra queste azioni spicca da oltre quattro decenni il FAI: fedele alla missione, non mummificato nella tradizione e che, tramite una riforma novennale intrapresa quattro anni fa, si libra in un rinnovamento indispensabile a una industria culturale che oltre a essere manageriale deve essere instancabilmente creativa. Abbiamo aperto di recente le Saline Conti Vecchi di Cagliari; apriremo nel 2019 il Colle dell'Infinito a Recanati, in occasione del bicentenario del nostro più famoso sonetto. Come vedete, ai monumenti più vari stiamo aggiungendo sempre più i paesaggi, anche della mente, come nel caso di Recanati, i quali hanno bisogno anch'essi di restauro, come stiamo facendo a Punta Mesco alle Cinque Terre».

Intanto il FAI sta portando avanti la campagna «I luoghi del cuore», il censimento nazionale che chiede a tutti i cittadini di segnalare i piccoli e grandi tesori che amano e che vorrebbero salvare. Nel 2017 il FAI è impegnato ad intervenire sui luoghi vincitori e sui selezionati al bando per l’assegnazione di contributi aperto a marzo. Si sta intervenendo per il recupero del Castello della Colombaia a Trapani, della Certosa di Calci (Pistoia), del Convento Francescano di San Gennaro vesuviano (Napoli), del Castello di Calatubo ad Alcamo (Trapani), delle Saline e della Laguna dello Stagnone a Marsala, di Piandarca della Predica agli Uccelli a Cannara (Perugia).

Grandi eventi

Cara italia, ...

Brevi annunci gratuiti




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.