Company Logo

Generazione Erasmus

L’Europa è nata dai pellegrinaggi medioevali, secondo il poeta tedesco Goethe, ma oggi vive e si sviluppa grazie a scelte lungimiranti che riassumono i valori di una lunghissima tradizione. I giovani della Generazione Erasmus, che viaggiano e studiano in paesi diversi, sono un valore per l'Europa, come le … - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 22 gennaio 1506: arriva a Roma il primo contingente di Guardie Svizzere che si occuperanno della sicurezza del papa.

* 22 gennaio 1944: inizio dell'Operazione Shingle durante la Seconda guerra mondiale per lo sbarco ad Anzio.

INCIPIT L'inizio di ...

L’uomo che allevava i gatti

di Mo' Yan

(Cina 1955-*)

Un fascio di luce dorata lo inondò, mentre si toglieva il fucile dalla spalla con la mano destra priva di indice. Il sole al tramonto scendeva velocissimo, descrivendo un arco perfetto, e nei campi riecheggiava frammentario un suono simile al riflusso della marea, accompagnato da un respiro triste, a tratti intenso, a tratti debole. Facendo grande attenzione appoggiò il fucile sul terreno coperto di chiazze di muschio della dimensione di monete di rame. Nel deporre l’arma, osservò la terra umida e un immensa tristezza gli serrò il sudore...

Grandi eventi

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

«Sparsa le trecce morbide / sull’affannoso petto…»: il coro del quarto atto della tragedia Adelchi di Alessandro Manzoni rievoca la fine di Ermengarda, figlia del re longobardo Desiderio e sposa di Carlo Magno. Ripudiata dal re dei Franchi, conclude i suoi giorni nel monastero di San Salvatore, gioiello del complesso museale di Santa Giulia a Brescia. Nel cuore della città lombarda, a pochi passi da importanti resti di Brixia romana con il Tempio Capitolino, il Foro e il Teatro del III secolo d.C., si trova Santa Giulia, il ‘Museo della città’, allestito presso il ...

monastero di origine longobarda. Nel 2011 l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità il complesso bresciano, che costituisce la più ampia parte del sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”.

Il Museo di Santa Giulia comprende la chiesa longobarda di San Salvatore, già monastero benedettino femminile dell’VIII secolo, con Cripta e Coro delle monache; la chiesa di Santa Maria in Solario del XII secolo; la cinquecentesca chiesa di Santa Giulia e ampi chiostri. Su un’area espositiva di 14mila metri quadrati il museo bresciano propone circa 11mila pezzi, preziose documentazioni che spaziano

dalla preistoria al Rinascimento. Vi si trovano mosaici, resti di antichissime tombe e corredi funerari, reperti risalenti ai Celti, importanti domus, ritratti e bronzi di Roma antica, resti longobardi e medioevali, strutture e affreschi rinascimentali.

Fra le testimonianze più preziose dell’antichità presenti a Santa Giulia ci sono la Vittoria Alata e la Croce di Desiderio. Statua in bronzo risalente al I secolo, la Vittoria Alata è un’elegante immagine della dea con i capelli cinti da una corona di argento e rame, vestita di una lunga tunica e con un mantello avvolto intorno alle gambe. Le braccia protese reggevano in origine uno scudo, mentre il piede sollevato poggiava sull’elmo di Marte, il dio della guerra. Ammirata da Napoleone che ne volle una copia, ora esposta al museo del Louvre di Parigi, la statua è il simbolo della città.

La Croce di Desiderio, collocata nella chiesa Santa Maria in Solario, è una raffinata e ricca opera di orificeria della prima epoca carolingia, con 212 pietre preziose, cammei e gemme vitree. E’ una splendida testimonianza sia della fede cristiana che del potere politico longobardo legato ai valori religiosi. E’ anche il più antico esemplare di un genere, quello delle croci gemmate, ripreso in molte cattedrali medioevali, come ad Aquisgrana con la Lothariuskreuz.

I gioielli del complesso monastico di Santa Giulia sono anche tanti altri, come il Coro delle monache con gli affreschi di Floriano Ferramola e di Paolo da Caylina il Giovane e il Mausoleo Martinengo, fra i più importanti esempi di scultura rinascimentale in Lombardia. Nella cripta della basilica di San Salvatore si trova la Lastra con pavone, raffinata testimonianza di scultura medioevale con molti elementi simbolici; alla base del campanile ci sono affreschi del Romanino. Fra le tante testimonianze dell’antichità sono da ammirare anche le Domus dell’Ortaglia e il Viridarium, il giardino che abbelliva le case romane. In Santa Maria in Solario si trova un rarissimo reliquario del IV secolo, la Lipsanoteca, cofanetto in avorio risalente alla fine del IV secolo.

Santa Giulia propone tante altre sorprese, anche del territorio provinciale, che si svelano nel lungo percorso arricchito da puntuali e nitide didascalie. Tutte le informazioni per visitare il complesso museale di Santa Giulia sono reperibili al sito: https://www.bresciamusei.com/nsantagiulia.asp?nm=176&t=Info+e+orari

Lo scorso anno Santa Giulia ha fatto registrare 92mila presenze, oltre ai 57mila visitatori con bigliettazione separata per le mostre temporanee. Complessivamente i Musei Civici di Brescia, con la Pinacoteca Tosio Martinengo e il Museo del Risorgimento in Castello, sono giunti a 220mila visitatori nel 2017 e per quest’anno l’obiettivo è di arrivare a 300mila presenze. (Ornella Pozzoli)

Tra vigile e vigilia

Nel viaggio tra le parole italiane alla ricerca del senso perduto oggi ho scelto di partire da una pagina del vocabolario di latino, in cui si trovano le parole legate al verbo vìgeo/vigère. Si tratta di un verbo intransitivo, cioè tale che, per completare il suo significato, non richiede nessun elemento lessicale aggiuntivo ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Gli Stati che aderiscono al presente Trattato riaffermano la loro fede negli scopi e nei principi dello Statuto delle Nazioni Unite e il loro desiderio di vivere in pace con tutti i popoli e con tutti i governi. Si dicono determinati a salvaguardare la libertà dei loro popoli, il loro comune retaggio e la loro civiltà, fondati sui principi della democrazia, sulle libertà individuali e sulla preminenza del diritto». (Preambolo al Trattato della NATO, firmato a Washington il 4 aprile 1949)

EXPLICIT La fine di ...

Dei delitti e delle pene

di Cesare Beccaria

(Milano 1738-1794)

… Da quanto si è veduto finora può cavarsi un teorema generale molto utile, ma poco conforme all'uso, legislatore il più ordinario delle nazioni, cioè: perché ogni pena non sia una violenza di uno o di molti contro un privato cittadino, dev'essere essenzialmente pubblica, pronta, necessaria, la minima delle possibili nelle date circostanze, proporzionata a' delitti, dettata dalle leggi.

Galleria degli Artisti

Test 2 Letteratura ‘900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.