Company Logo

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 24 maggio 1915: l'Italia entra nella Prima guerra mondiale a fianco della Francia e della Gran Bretagna.

* 24 maggio 1928: Umberto Nobile con il dirigibile Italia raggiunge per la seconda volta il Polo Nord.

* 24 maggio 1941: durante la Seconda guerra mondiale al largo di Siracusa gli inglesi affondano la nave italiana Conte Rosso provocando 2300 morti.

INCIPIT L'inizio di ...

La Cripta dei Cappuccini

di Joseph Roth

(Ucraina 1894-1939)

Il nostro nome è Trotta. La nostra casata è originaria di Sipolje, in Slovenia. Casata, dico; perché noi non siamo una famiglia. Sipolje non esiste più, da tempo ormai. Oggi, insieme con parecchi comuni limitrofi, forma un centro più grosso. Si sa, è la volontà dei tempi. Gli uomini non sanno stare soli. Si uniscono in assurdi aggruppamenti, e soli non sanno stare neanche i villaggi. Nascono così entità assurde…

Lieve come il vento

Era fragile come un filo d’erba delle sue montagne e candido come un bambino. Tutto il contrario del nome che gli era stato imposto al battesimo e che nell’originale nordico lo indicava come “potente in battaglia”. Riziero toccava sì e no il metro e venti di altezza. Girava per la città come una nuvola bianca e … - LEGGI TUTTO

Grandi eventi

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

I vocaboli affetto/affetti, confetto/ confetti, difetto/difetti, infetto/infetti, perfetto/ perfetti sono parole della vita quotidiana, facilmente comprensibili per chi le usa e le sa usare. Di significati completamente diversi tra di loro. Nella loro diversità di significato esse spaziano da un’area semantica all’altra, talvolta anche abbastanza lontane tra loro.

Affetti, confetti e difetti sono chiaramente dei sostantivi, cioè sono parole che, per l’ordinario, possono sostenere un articolo davanti - gli affetti, i confetti, i difetti - e, per loro costituzione, hanno una forma per il singolare e una per il plurale (quella che si chiama ...

“opposizione” e viene rappresentata graficamente: affetto/affetti). Le altre due (insieme anche ad affetto) sembrerebbero degli aggettivi, cioè: parole che oltre ad avere la opposizione singolare/plurale, hanno anche quella maschile/femminile: parole quindi che si accompagnano (e perciò si accordano) ai nomi [es.: Le cose perfette. Le cose infette.]. Ma se poi le andiamo a esaminare, noteremo anche che qualcuna di queste ultime è in grado di reggere un complemento [Esempio: “affetto da una malattia”; “infetto da contagio”], perciò dobbiamo riconoscere che esse sono piuttosto dei participi perfetti (lupus in fabula!). Come tali, quindi, anche se nella lingua parlata non esiste il verbo da cui provengano, o non lo conosciamo, esse sono pur sempre elementi di un verbo (o almeno, come tali le utilizziamo).

Ricapitoliamo. In maniera sintetica ed essenziale le parole in esame dovrebbero significare, rispettivamente:

Affetto (1) (sost.) =       sentimento dell’animo come “amore”, “attaccamento”.

Affetto (2) (part.) =      “preso da ...”, “attaccato da ...”, “contagiato da ...”.

Confetto (sost.)   =       prodotto dolciario.

Difetto (sost.)      =       sinonimo di imperfezione, mancanza.

Infetto (part.)      =       “contaminato”.

Perfetto (agg,)    =         “senza alcun difetto”.

Fin adesso, limitandomi alla lingua italiana, ho parlato di significato delle parole e di categorie grammaticali e loro modalità di uso. Comunque, resta una lezione di semantica. Ora, se consideriamo che queste parole sono la forma italiana di altrettanti “participi perfetti” di verbi latini, potremo risalire al loro significato originario (quello più antico), e così la lezione si trasforma in lezione di semantica storica

Le corrispondenti parole della lingua di Roma, cioè i participi perfetti dei verbi latini (di cui quelle italiane sono l’evoluzione moderna), sono:

ad-fectus, adfecta, adfectum” (come a scuola, vengono indicate le tre forme dell’aggettivo: una per il maschile, una per il femminile, una per il neutro),     participio perfetto, dal verbo adficio/adficere;

con-fectus, -a, -um”   dal verbo  conficio/conficere

de-fectus, -a, -um”   dal verbo  deficio/deficere;

in-fectus, -a, -um”   dal verbo  inficio/inficere;

per-fectus,  -a, -um”  dal verbo  perficio/perficere;

A bene osservare questi participi perfetti, a nessuno dovrebbe sfuggire che essi, dopo il prefisso che è variabile, hanno tutti, in comune, come elemento strutturale, la radice “fect”. O che il prefisso, nella maggior parte dei casi, è una preposizione. Quindi ...

Allora ve lo dico io: i verbi afficere (ad+facere), conficere (cum+facere), deficere (de+facere), inficere (in+facere), perficere (per+facere) sono verbi composti del verbo facio/facere [paradigma: facio; feci; factum; fàcere; è così che a scuola si riconoscono - e si chiamano - i verbi latini], che in italiano si traduce con  “fare”.

Così come vi dico anche che: fàcere, una volta divenuto - grazie al suffisso - un  verbo composto, trasforma il suono della vocale da “a” in “i” (fàcere/conficere). E la stessa cosa capita a factum, che però la trasforma in “e” (factum/infectum). Perciò abbiamo adficere/adfectum; conficere/confectum (da cum+factus); deficere/defectum; inficere/infectum; perficere/perfectum. Questo fenomeno si chiama mutazione vocalica, o apofonia, o umlaut: cioè la vocale cambia colore a seconda di dove si trova.

Praticamente - possiamo dirlo adesso! - alla base del significato di tutte le parole che stiamo esaminando in questo articolo c’è sempre l’idea del fare, leggermente modificata dalla presenza della preposizione come prefisso: ad+facere = fare presso ..., o fare verso ... (opprimere, attaccare);  cum+facere = fare con ... (mettere insieme); de+facere = fare da ... (allontanamento: perciò mancare); in+facere = fare in ... (portar dentro qualcosa che rende vano il fare); per+facere = fare per ... (fare completamente: portare a termine).

A questo punto non ci resta che fare le nostre deduzioni e tirare la conclusione. E vedremo così che la nostra lingua, almeno per quanto riguarda queste parole, diviene sempre più trasparente.

Prima però dovremmo sottoscrivere un patto di alleanza, tra voi, lettori destinatari del messaggio, e me, emittente, con l’obbligo delle due parti, di consultare un dizionario italiano e un dizionario latino per controllare di persona se tutto quanto da me raccontato sia vero e corrisponda al dato di fatto, base di partenza della discussione. 

Allora vi renderete conto che consultare il vocabolario non serve solo a conoscere ciò che non si sa, ma anche a rendere più comprensibile quello che già si sa. E’ questa la differenza tra lingua opaca e lingua trasparente. (Luigi Casale)

"Italia Italy" post

«Il mondo non sarà distrutto dai malvagi, ma da coloro che restano a guardarli senza fare niente». (Albert Einstein, fisico, Ulma-Germania 1879-1955)

EXPLICIT La fine di ...

Abbi cura di me

di Simone Cristicchi

(Roma 1977-*)

… È bello essere al modo, pensa Simone mentre accarezza senza toccarla la sua immagine e quella di Stefano, tenendo uniti, nel filo delle sue mani, finito e infinito.

È un momento da fermare, e in cui fermarsi. È un respiro di assoluto.

Non siamo soli. Mai lo saremo.

Esiste una casa, un senso, una scintilla, un amore. Esiste per tutti. Esiste per sempre.

Adesso apri lentamente gli occhi / E stammi vicino / Perché mi trema la voce / Come se fossi un bambino. / Ma oltre l’ultimo giorno / In cui potrò respirare / Tu stringimi forte / E non lasciarmi andare / Abbi cura di me.

«Calabria ribelle»

Un luogo comune vuole che in Calabria la Storia sia sempre di passaggio. Per smentire questo luogo comune è nata l’idea dell’antologia storica Calabria guerriera e ribelle, di Giampiero Mele con contributi di Felice Vinci, Gianfranco Confessore e Oreste Parise.Annibale, Spartaco erano andati in ... - LEGGI TUTTO

Galleria degli Artisti

Test 3 Storia del '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.