Company Logo

Giorno dopo giorno ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 8 maggio 1527: il navigatore veneziano Sebastiano Caboto è il primo europeo a navigare lungo il fiume Paranà in Sud America

* 8 maggio 1848: inizio della Battaglia di Cornuda (Treviso) tra lo Stato Pontificio e l’Austria durante la Prima Guerra di Indipendenza

* 8 maggio 1898: il Genoa vince il primo campionato italiano di calcio di serie A

INCIPIT L'inizio di ...

Il segreto di Pico

di Éric Deschodt (Francia 1937-*)

e Jean-Claude Lattès (Francia 1941-2018)

Il 17 novembre 1494 Jean-Giovanni Rollet entra a Firenze. Non è la prima volta, vive lì da sette anni, ma quel giorno è diverso. Alla sua destra, il re di Francia, dietro di lui, diecimila uomini. Diecimila uomini di un esercito come la Toscana non ne vedeva dai tempi della caduta dell’Impero romano. Carlo VIII, figlio di Luigi XI, dà inizio alle guerre d’Italia…

Grandi eventi

Lieve come il vento

Era fragile come un filo d’erba delle sue montagne e candido come un bambino. Tutto il contrario del nome che gli era stato imposto al battesimo e che nell’originale nordico lo indicava come “potente in battaglia”. Riziero toccava sì e no il metro e venti di altezza. Girava per la città come una nuvola bianca e ... -  LEGGI TUTTO

Cara italia, ...

Pagina dopo pagina

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

The official anthem of the European Union is the famous melody from the Symphony No. 9 in D minor Op. 125 by Ludwig van Beethoven, who set music to Ode to Joy, German poet Friedrich von Schiller's lyrical verse of 1785. Composed in 1823, when the musician was completely deaf, it is known as the Hymn to Joy, as this fourth and last movement of the symphony includes part of the Ode to Joy by Schiller. The melody by Beethoven was chosen as ...

a anthem of Europe in 1972 by the Council of Europe as "speechless with the universal language of music this anthem expresses the ideals of freedom, peace and solidarity pursued by Europe". The Council commissioned the master Herbert von Karajan, one of the greatest conductors of the twentieth century, to make three instrumental versions for solo piano, wind instruments and symphonic orchestra. In 1985 it was adopted by European Union leaders as the official anthem of the European Union. In 2001 the Ode to Joy theme was declared by Unesco World Memory.
Usually the anthem is not sung and the same Council of Europe says: " There are no words to the anthem; it consists of music only. In the universal language of music, this anthem expresses the European ideals of freedom, peace and solidarity". Many people did not like the original words in German and a Latin text was proposed that was more in keeping with the European spirit.
Ode to Joy theme does not replace the national anthems of the member countries, but wants to celebrate the values ​​they share. The anthem symbolises not only the European Union but also Europe in a wider sense. Ode to Joy lyrical verse expresses Schiller's idealistic vision of the human race becoming brothers, a vision Beethoven shared. The European anthem is not intended to replace the national anthems of the European Union countries but rather to celebrate the values they share. The anthem is played at official ceremonies involving the European Union and generally at all sorts of events with a European character. (Anna Ferrero)

@ Italia Italy, 2018

"Italia Italy" post

«Il Giro d’Italia è follia: solo una lucida pazzia può infatti spingerti a cento e più all'ora in discesa sotto la pioggia, o a scalare una montagna sui pedali sotto la neve, o a sprintare in mezzo ad altri dieci che ondeggiano, ti stringono, ti tagliano la strada. (Fabio Genovesi, scrittore e sceneggiatore, Forte dei Marmi-Lucca 1974-*)

EXPLICIT La fine di ...

Un giorno di fuoco

di Beppe Fenoglio

(Alba-Cuneo 1922-1963)

Tutti si voltarono in silenzio e lui potè veder bene Nella. Poi si rivoltarono e l’uomo ridiede al cavallo e se ne andarono. Lui non seguì oltre, perché l’aveva vista bene Nella e poi l’ultima curva della pedaggera era per lui la fine del mondo.

Se ne tornò a casa, così pronto e disposto, adesso, ad andar lontano da servitore.

Sogni lungimiranti

L’Europa di oggi è nata dai sogni lungimiranti di statisti “visionari”, che ci hanno regalato quattro generazioni senza guerre e un futuro aperto alle nuove sfide. I padri fondatori erano un gruppo eterogeneo di persone mosse dagli stessi ideali: la pace, l'unità e la prosperità in Europa. I loro nomi sono ormai ... - LEGGI TUTTO

Galleria degli Artisti

Test 7 Letteratura '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 



 


Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.