Company Logo

Generazione Erasmus

L’Europa è nata dai pellegrinaggi medioevali, secondo il poeta tedesco Goethe, ma oggi vive e si sviluppa grazie a scelte lungimiranti che riassumono i valori di una lunghissima tradizione. I giovani della Generazione Erasmus, che viaggiano e studiano in paesi diversi, sono un valore per l'Europa, come le … - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 22 gennaio 1506: arriva a Roma il primo contingente di Guardie Svizzere che si occuperanno della sicurezza del papa.

* 22 gennaio 1944: inizio dell'Operazione Shingle durante la Seconda guerra mondiale per lo sbarco ad Anzio.

INCIPIT L'inizio di ...

L’uomo che allevava i gatti

di Mo' Yan

(Cina 1955-*)

Un fascio di luce dorata lo inondò, mentre si toglieva il fucile dalla spalla con la mano destra priva di indice. Il sole al tramonto scendeva velocissimo, descrivendo un arco perfetto, e nei campi riecheggiava frammentario un suono simile al riflusso della marea, accompagnato da un respiro triste, a tratti intenso, a tratti debole. Facendo grande attenzione appoggiò il fucile sul terreno coperto di chiazze di muschio della dimensione di monete di rame. Nel deporre l’arma, osservò la terra umida e un immensa tristezza gli serrò il sudore...

Grandi eventi

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

Timișoara (Romania), Elefsina (Grecia) e Novi Sad (Serbia, paese candidato a entrare nell’Unione Europea) sono le Capitali Europee della Cultura 2021. L'iniziativa "Capitali europee della cultura" è stata ideata per evidenziare la ricchezza e la diversità delle culture in Europa, celebrare le caratteristiche culturali condivise dagli europei, aumentare il senso di appartenenza dei cittadini europei in un'area culturale comune, favorire il contributo della cultura allo sviluppo delle città. Oltre a ciò, l'esperienza ha dimostrato che l'evento è un'eccellente opportunità per rigenerare le città, elevare il profilo internazionale delle città, migliorare l'immagine delle ...

città agli occhi dei loro stessi abitanti, dare nuova vita alla cultura di una città, incrementando il turismo.
Il progetto delle Capitali Europee della Cultura, secondo un racconto ormai comune, sarebbe all'aeroporto di Atene nel gennaio 1985, in una giornata di forti venti e voli in ritardo. Seduti nella sala di attesa dell’aereo c’erano l'ex attrice Melina Mercouri, poi il Ministro della Cultura della Grecia, e il suo omologo francese, il carismatico Jack Lang.
Erano freschi di un incontro dei ministri della cultura europea e hanno detto che era un peccato che ci fossero così poche occasioni di questo tipo. Hanno parlato di questo e di quello e, mentre hanno ucciso il tempo in vivaci conversazioni, Mercouri ha avuto l'idea di lanciare una serie di eventi annuali che punterebbero i riflettori sulle città europee e sul loro ruolo nello sviluppo delle culture europee. Lang era entusiasta e così è stata lanciata l'iniziativa Capitali Europee della Cultura.

Timişoara, soprannominata la piccola Vienna o la città dei fiori, è la capitale della contea di Timiș, la terza città più grande della Romania e il principale centro sociale, economico e culturale della Romania occidentale. È considerata la capitale informale del Banato storico. Offre eccellenti istituzioni accademiche, attirando migliaia di studenti internazionali ogni anno, principalmente nella sua scuola di medicina. Timișoara è stata la prima città della monarchia asburgica con illuminazione stradale (1760) e la prima città europea ad essere illuminata da lampioni elettrici nel 1884. Ha aperto la prima biblioteca di prestito pubblico con una sala di lettura nell'impero asburgico e ha costruito un ospedale municipale 24 anni prima di Vienna. È stato un importante centro per la musica in Europa dal XIX secolo. La rivoluzione romena è iniziata a Timişoara.

Elefsina (Eleusis) si trova a circa 18 chilometri a nord-ovest dal centro di Atene e fa parte della sua area metropolitana. Si trova nella pianura della Triade, all'estremità settentrionale del Golfo di Saronico. È il sito dei Misteri Eleusini e il luogo di nascita di Eschilo. Oggi Eleusis è un importante centro industriale, con la più grande raffineria di petrolio in Grecia, e sede del Festival di Aeschylia, l'evento artistico più longevo nella regione dell'Attica.

Novi Sad è la seconda città più grande della Serbia e la capitale della provincia autonoma della Vojvodina. Si trova nella parte meridionale della pianura pannonica al confine tra le regioni geografiche di Bačka e Srem. Adagiata sulle rive del fiume Danubio, la città si affaccia sulle pendici settentrionali di Fruška Gora. Novi Sad ha una popolazione di 250.000 abitanti. Fu fondata nel 1694 quando i mercanti serbi formarono una colonia attraverso il Danubio dalla fortezza di Petrovaradin, una postazione militare strategica degli Asburgo. Nei secoli successivi si trasformò in un importante centro commerciale e manifatturiero oltre che in un centro di cultura serba, guadagnandosi il soprannome di Atene serba. La città fu pesantemente devastata dalla Rivoluzione del 1848, ma fu successivamente ricostruita e restaurata. Oggi, insieme a Belgrado, Novi Sad è un centro industriale e finanziario importante per l'economia serba.

Sono state già scelte le Capitali Europee della Cultura per i prossimi anni: nel 2022 sono Kaunas (Lituania) ed Esch (Lussemburgo); nel 2023 Veszprém (Ungheria); nel 2024 Tartu (Estonia), Bodø (Norvegia, paese EFTA/SEE) e Bad Ischl (Austria). (Carlo Pozzoli)

Tra vigile e vigilia

Nel viaggio tra le parole italiane alla ricerca del senso perduto oggi ho scelto di partire da una pagina del vocabolario di latino, in cui si trovano le parole legate al verbo vìgeo/vigère. Si tratta di un verbo intransitivo, cioè tale che, per completare il suo significato, non richiede nessun elemento lessicale aggiuntivo ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Gli Stati che aderiscono al presente Trattato riaffermano la loro fede negli scopi e nei principi dello Statuto delle Nazioni Unite e il loro desiderio di vivere in pace con tutti i popoli e con tutti i governi. Si dicono determinati a salvaguardare la libertà dei loro popoli, il loro comune retaggio e la loro civiltà, fondati sui principi della democrazia, sulle libertà individuali e sulla preminenza del diritto». (Preambolo al Trattato della NATO, firmato a Washington il 4 aprile 1949)

EXPLICIT La fine di ...

Dei delitti e delle pene

di Cesare Beccaria

(Milano 1738-1794)

… Da quanto si è veduto finora può cavarsi un teorema generale molto utile, ma poco conforme all'uso, legislatore il più ordinario delle nazioni, cioè: perché ogni pena non sia una violenza di uno o di molti contro un privato cittadino, dev'essere essenzialmente pubblica, pronta, necessaria, la minima delle possibili nelle date circostanze, proporzionata a' delitti, dettata dalle leggi.

Galleria degli Artisti

Test 2 Letteratura ‘900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.