Company Logo

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 24 maggio 1915: l'Italia entra nella Prima guerra mondiale a fianco della Francia e della Gran Bretagna.

* 24 maggio 1928: Umberto Nobile con il dirigibile Italia raggiunge per la seconda volta il Polo Nord.

* 24 maggio 1941: durante la Seconda guerra mondiale al largo di Siracusa gli inglesi affondano la nave italiana Conte Rosso provocando 2300 morti.

INCIPIT L'inizio di ...

La Cripta dei Cappuccini

di Joseph Roth

(Ucraina 1894-1939)

Il nostro nome è Trotta. La nostra casata è originaria di Sipolje, in Slovenia. Casata, dico; perché noi non siamo una famiglia. Sipolje non esiste più, da tempo ormai. Oggi, insieme con parecchi comuni limitrofi, forma un centro più grosso. Si sa, è la volontà dei tempi. Gli uomini non sanno stare soli. Si uniscono in assurdi aggruppamenti, e soli non sanno stare neanche i villaggi. Nascono così entità assurde…

Lieve come il vento

Era fragile come un filo d’erba delle sue montagne e candido come un bambino. Tutto il contrario del nome che gli era stato imposto al battesimo e che nell’originale nordico lo indicava come “potente in battaglia”. Riziero toccava sì e no il metro e venti di altezza. Girava per la città come una nuvola bianca e … - LEGGI TUTTO

Grandi eventi

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

Tra allarmisti, negazionisti e pacate voci della scienza, in queste settimane il Coronavirus è protagonista delle cronache, dei commenti di politici e politicanti, di scienziati e sedicenti tali, praticamente di tutti. Sui social impazzano i commenti più disparati e si intrecciano le “catene di Sant’Antonio” che moltiplicano poche certezze e innumerevoli bufale. Le fake-news trovano terreno fertile nelle vicende di questi giorni, favorite anche da informazioni contraddittorie e da un “federalismo” dannoso, al quale saggiamente ora si cerca di porre un  ...

freno. 

L’autonomia locale è stata intesa come libera e arbitraria iniziativa di sindaci e governatori che sembra abbiano fatto a gara per trovate di ogni genere. I casi più clamorosi sono noti: dalla maldestra mascherina del governatore lombardo ai topi mangiati vivi dai cinesi del governatore veneto, alla chiusura delle scuole senza contagiati del governatore marchigiano, ai sindaci che hanno chiuso scuole per “sanificazione” senza alcun caso di contagio o hanno imposto la quarantena ai malcapitati tornati nella terra di origine dal nord, alla puerile reazione-rivincita di alcuni meridionali che hanno respinto connazionali giunti dal Lombardia o Veneto.

Errori di comunicazione, inesperienza, sciacallaggio politico e incompetenze hanno provocato danni rilevanti all’immagine internazionale dell’Italia e notevolissimi anche all’economia. Fortunatamente si è giunti a una svolta, che tuttavia non frena i parolai a ruota libera dei talk-show. Nella confusione alquanto generalizzata è attaccata l’Europa anche per competenze che non ha, da parte di sovranisti contrari a poteri condivisi nell’Unione; c’è chi giustifica anche le più insensate scelte locali in nome del federalismo, dimenticando la stessa Costituzione che all’articolo 117, comma q, stabilisce come legislazione esclusiva dello Stato «dogane, protezione dei confini nazionali e profilassi internazionale», come nel caso del Coronavirus. Saggiamente perciò il Governo, con il decreto dell’1 marzo 2020, ha varato anche «misure volte a disciplinare in modo unitario il quadro degli interventi su tutto il territorio nazionale».

Il cammino per il ritorno alla normalità potrebbe non essere breve, comunque lunga e non agevole sarà la strada per la piena ripresa economica e il ritorno della fiducia internazionale verso l’Italia. Ognuno, nel piccolo ambito personale o nei posti di responsabilità collettiva, ha il dovere di dare il proprio contributo. Insieme si può voltare pagina. (F.d’A.)   

 

Coronavirus: informazioni, non fake-news:

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=228

"Italia Italy" post

«Il mondo non sarà distrutto dai malvagi, ma da coloro che restano a guardarli senza fare niente». (Albert Einstein, fisico, Ulma-Germania 1879-1955)

EXPLICIT La fine di ...

Abbi cura di me

di Simone Cristicchi

(Roma 1977-*)

… È bello essere al modo, pensa Simone mentre accarezza senza toccarla la sua immagine e quella di Stefano, tenendo uniti, nel filo delle sue mani, finito e infinito.

È un momento da fermare, e in cui fermarsi. È un respiro di assoluto.

Non siamo soli. Mai lo saremo.

Esiste una casa, un senso, una scintilla, un amore. Esiste per tutti. Esiste per sempre.

Adesso apri lentamente gli occhi / E stammi vicino / Perché mi trema la voce / Come se fossi un bambino. / Ma oltre l’ultimo giorno / In cui potrò respirare / Tu stringimi forte / E non lasciarmi andare / Abbi cura di me.

«Calabria ribelle»

Un luogo comune vuole che in Calabria la Storia sia sempre di passaggio. Per smentire questo luogo comune è nata l’idea dell’antologia storica Calabria guerriera e ribelle, di Giampiero Mele con contributi di Felice Vinci, Gianfranco Confessore e Oreste Parise.Annibale, Spartaco erano andati in ... - LEGGI TUTTO

Galleria degli Artisti

Test 3 Storia del '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.