Company Logo

Giorno dopo giorno ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 8 maggio 1527: il navigatore veneziano Sebastiano Caboto è il primo europeo a navigare lungo il fiume Paranà in Sud America

* 8 maggio 1848: inizio della Battaglia di Cornuda (Treviso) tra lo Stato Pontificio e l’Austria durante la Prima Guerra di Indipendenza

* 8 maggio 1898: il Genoa vince il primo campionato italiano di calcio di serie A

INCIPIT L'inizio di ...

Il segreto di Pico

di Éric Deschodt (Francia 1937-*)

e Jean-Claude Lattès (Francia 1941-2018)

Il 17 novembre 1494 Jean-Giovanni Rollet entra a Firenze. Non è la prima volta, vive lì da sette anni, ma quel giorno è diverso. Alla sua destra, il re di Francia, dietro di lui, diecimila uomini. Diecimila uomini di un esercito come la Toscana non ne vedeva dai tempi della caduta dell’Impero romano. Carlo VIII, figlio di Luigi XI, dà inizio alle guerre d’Italia…

Grandi eventi

Lieve come il vento

Era fragile come un filo d’erba delle sue montagne e candido come un bambino. Tutto il contrario del nome che gli era stato imposto al battesimo e che nell’originale nordico lo indicava come “potente in battaglia”. Riziero toccava sì e no il metro e venti di altezza. Girava per la città come una nuvola bianca e ... -  LEGGI TUTTO

Cara italia, ...

Pagina dopo pagina

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

In quest'anno dedicato alle celebrazioni del settimo centenario della morte di Dante Alighieri (1265-1321), "il poeta che inventò l'Italia, la città che ospitò Dante durante l'esilio gli dedica una serrie di importanti eventi. La mostra “Tra Dante e Shakespeare. Il mito di Verona”, proposta dal 23 aprile al 5 giugno alla Galleria d’Arte Moderna Achille Forti, è il nucleo centrale della più ampia mostra diffusa Dante a Verona che si dipana nel cuore storico della città che per Dante fu «lo primo… refugio e ...

’l primo ostello». Qui il Poeta giunse nel 1303, beneficiando della «cortesia del gran Lombardo», Bartolomeo della Scala e vi tornò altre due volte, ospite di Cangrande, cui Dante fu legatissimo, tanto da dedicargli la terza cantica della Commedia.

Nelle sei ampie sezioni espositive sarà presentata una significativa selezione di opere d’arte e testimonianze storiche per approfondire, in un arco temporale ideale dal Trecento all’Ottocento, due precisi fulcri tematici. Il primo è il rapporto tra Dante e la Verona di Cangrande e il successivo revival ottocentesco di un medioevo ideale; il secondo, strettamente connesso al precedente e tutto scaligero, è il mito shakespeariano di Giulietta e Romeo. Su entrambi si fonda ancor oggi la fisionomia urbana e culturale di Verona e si alimenta il suo mito.

Il rapporto tra Dante, Verona e il territorio veneto nel primo Trecento porta a ripercorrere la cultura figurativa scaligera nel grande snodo della rivoluzione giottesca; il profondo vincolo che unì Dante e Cangrande si concentra su testimonianze legate alla figura dello Scaligero, allargandosi a cogliere il contesto storico-culturale in cui il Poeta visse negli anni dell’esilio e della creazione del suo Poema. Un’importante selezione di testi decorati della Commedia, manoscritti e a stampa, editi ed inediti, traghetta quindi i visitatori dall’epoca di Dante alla fine del Settecento, attestando la costante attenzione che in particolare Verona e il Veneto rivolsero al Poeta e alla sua Opera, fungendo al contempo da cerniera significante tra i due fulcri tematici.

È l’esaltante riscoperta del mito di Dante nella stagione del Romanticismo — incarnazione sia dei nascenti ideali risorgimentali sia del tormento creativo dell’intellettuale esiliato — ad aprire il secondo nucleo della mostra con le testimonianze della fortuna iconografica di Dante e dei suoi personaggi, e la particolare attenzione alle tragiche vicende di Paolo e Francesca, di Pia dei Tolomei e del conte Ugolino e dei suoi figli.

Un altro amore intenso e sfortunato quanto il loro, fu quello di Giulietta e Romeo, cantato da Luigi da Porto nel Cinquecento e reso celebre da William Shakespeare.

Entrambi fondamentali per cogliere il costituirsi dell’identità della Verona ottocentesca, che si nutrì in parallelo della presenza storicamente fondata di Dante alla corte di Cangrande e di quella immaginaria dei due sfortunati amanti, creati nella cornice di un Trecento cortese.
La mostra si lega intimamente al percorso di visita nella “mostra diffusa” che è la città stessa, nei monumenti e nelle testimonianze urbanistiche e architettoniche legate alla memoria di Dante e di Romeo e Giulietta.

Il visitatore uscito dalla GAM viene quindi invitato a ripercorre, munito di una apposita mappa, i luoghi trecenteschi di Verona, quelli legati ai soggiorni scaligeri del Poeta. Scoprendo così, in una successione spazio-temporale immaginaria e circolare, ambienti di grande suggestione come la chiesa di Sant’Elena e il Vescovado, la Biblioteca Capitolare, il Palazzo del Capitanio, quello della Provincia e della Prefettura, Piazza dei Signori, le Arche Scaligere, la chiesa di San Fermo

Tappa conclusiva il Museo di Castelvecchio, custode della statua equestre di Cangrande. Qui, in Sala Boggian, l’Inferno dantesco rivive nelle potenti immagini dell’americano Michael Mazur (1935-2009). Un ricco nucleo di incisioni donate dall’artista alla città di Verona, sarà esposto per la prima volta a vent’anni di distanza dalla prima esposizione al Castello scaligero.

 

* Tra Dante e Shakespeare. IL MITO DI VERONA

 Galleria d’Arte Moderna A. Forti, Museo di Castelvecchio, altre sedi

VERONA

Dal 23 aprile al 3 ottobre

Info: tel. 045.8077358- e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

"Italia Italy" post

«Il Giro d’Italia è follia: solo una lucida pazzia può infatti spingerti a cento e più all'ora in discesa sotto la pioggia, o a scalare una montagna sui pedali sotto la neve, o a sprintare in mezzo ad altri dieci che ondeggiano, ti stringono, ti tagliano la strada. (Fabio Genovesi, scrittore e sceneggiatore, Forte dei Marmi-Lucca 1974-*)

EXPLICIT La fine di ...

Un giorno di fuoco

di Beppe Fenoglio

(Alba-Cuneo 1922-1963)

Tutti si voltarono in silenzio e lui potè veder bene Nella. Poi si rivoltarono e l’uomo ridiede al cavallo e se ne andarono. Lui non seguì oltre, perché l’aveva vista bene Nella e poi l’ultima curva della pedaggera era per lui la fine del mondo.

Se ne tornò a casa, così pronto e disposto, adesso, ad andar lontano da servitore.

Sogni lungimiranti

L’Europa di oggi è nata dai sogni lungimiranti di statisti “visionari”, che ci hanno regalato quattro generazioni senza guerre e un futuro aperto alle nuove sfide. I padri fondatori erano un gruppo eterogeneo di persone mosse dagli stessi ideali: la pace, l'unità e la prosperità in Europa. I loro nomi sono ormai ... - LEGGI TUTTO

Galleria degli Artisti

Test 7 Letteratura '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 



 


Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.