Company Logo

Giorno dopo giorno ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 8 maggio 1527: il navigatore veneziano Sebastiano Caboto è il primo europeo a navigare lungo il fiume Paranà in Sud America

* 8 maggio 1848: inizio della Battaglia di Cornuda (Treviso) tra lo Stato Pontificio e l’Austria durante la Prima Guerra di Indipendenza

* 8 maggio 1898: il Genoa vince il primo campionato italiano di calcio di serie A

INCIPIT L'inizio di ...

Il segreto di Pico

di Éric Deschodt (Francia 1937-*)

e Jean-Claude Lattès (Francia 1941-2018)

Il 17 novembre 1494 Jean-Giovanni Rollet entra a Firenze. Non è la prima volta, vive lì da sette anni, ma quel giorno è diverso. Alla sua destra, il re di Francia, dietro di lui, diecimila uomini. Diecimila uomini di un esercito come la Toscana non ne vedeva dai tempi della caduta dell’Impero romano. Carlo VIII, figlio di Luigi XI, dà inizio alle guerre d’Italia…

Grandi eventi

Lieve come il vento

Era fragile come un filo d’erba delle sue montagne e candido come un bambino. Tutto il contrario del nome che gli era stato imposto al battesimo e che nell’originale nordico lo indicava come “potente in battaglia”. Riziero toccava sì e no il metro e venti di altezza. Girava per la città come una nuvola bianca e ... -  LEGGI TUTTO

Cara italia, ...

Pagina dopo pagina

Volti del Made in Italy

Brevi annunci gratuiti

Support «Italia Italy»

 

 

 

«Ei fu. Siccome immobile…». Il 5 maggio rievoca eventi storici e memorie personali che hanno segnato l’adolescenza di tutti. Sono passati esattamente 200 anni dalla morte dell’ultimo grande imperatore dell’Occidente, sono passati 200 anni dalla composizione del Cinque Maggio, l’ode di Alessandro Manzoni impressa nella memoria di molti fin dai banchi di scuola. Il 5 maggio 1821, nella piccola isola di Sant’Elena sperduta fra le ...

acque dell’Oceano Atlantico, moriva esule Napoleone Bonaparte. L’evento che colpì il mondo di allora toccò profondamente anche Alessandro Manzoni.

Il grande scrittore milanese, che non fu mai fra coloro che adularono Napoleone nelle vittorie né fra quanti lo disprezzarono nelle sconfitte, scrisse di getto il Cinque Maggio, la celebre poesia immancabile in ogni antologia scolastica e spesso rievocata. Lo sguardo di ammirazione, fede e disincanto dell’autore de I promessi sposi esprime lo sbigottimento del mondo alla fine di un uomo che aveva segnato la storia europea.

Con le battaglie che sconvolsero l’intera Europa e suscitarono grandi sogni e immense delusioni, Napoleone portò un vento nuovo nell’organizzazione dello Stato. Deluse i patrioti italiani quando con il Trattato di Campoformio cedette la Repubblica di Venezia agli Austriaci, sconvolse i piccoli stati della penisola, fece razzia delle opere d’arte che finirono in Francia, ma fece anche riforme epocali che sono giunte fino a noi. Emancipò i cittadini dall’antica nobiltà che si riteneva di origine divina, introdusse la meritocrazia aprendo le carriere al popolo, introdusse il Codice Civile e un buon sistema amministrativo, riformò il sistema monetario e il sistema fiscale, fece pagare le tasse a chi non le pagava, creò un istituto di statistica perché occorre sempre basarsi sui dati, introdusse la Corte dei Conti per tenere gli introiti sotto controllo.

L’ammirazione per Napoleone espressa da Alessandro Manzoni nel Cinque Maggio fu comune ad altri geni dell’epoca. Basti ricordare il filosofo tedesco Hegel che quando l’incontrò disse «Ho visto l’anima del mondo a cavallo» o Beethoven che gli dedicò la Terza Sinfonia, l’Eroica. Del resto Napoleone amava la cultura, portava con sé una copia de I dolori del giovane Werter di Goethe e aveva una biblioteca da viaggio che lo seguiva sempre. Aveva letto i classici, da Senofonte a Cesare, Seneca e Tacito, condivideva tutto de Il Principe di Machiavelli, amava i grandi autori francesi, al suo seguito c’era il grande Stendhal de La Certosa di Parma. Era convinto che le opere più importanti al mondo si realizzano con la cultura.

Le leggendarie imprese hanno fatto di Napoleone un mito e la sua figura è rievocata ancora oggi. Si pensi, ad esempio, alle recentissime opere di Ernesto Ferrero, da N., vincitore del Premio Strega 2000, a Napoleone in venti parole del 2021. (F.d'A.)

Rileggiamo l’ode Cinque Maggio dedicata a Napoleone da Alessandro Manzoni:

 

Ei fu. Siccome immobile,
Dato il mortal sospiro,
Stette la spoglia immemore
Orba di tanto spiro,
Così percossa, attonita
La terra al nunzio sta,

Muta pensando all’ultima
Ora dell’uom fatale;
Nè sa quando una simile
Orma di piè mortale
La sua cruenta polvere
A calpestar verrà.

 

Lui folgorante in solio
Vide il mio genio e tacque;
Quando, con vece assidua,
Cadde, risorse e giacque,
Di mille voci al sonito
Mista la sua non ha:

Vergin di servo encomio
E di codardo oltraggio,
Sorge or commosso al subito
Sparir di tanto raggio:
E scioglie all’urna un cantico
Che forse non morrà.

Dall’Alpi alle Piramidi,
Dal Manzanarre al Reno,
Di quel securo il fulmine
Tenea dietro al baleno;
Scoppiò da Scilla al Tanai,
Dall’uno all’altro mar.

Fu vera gloria? Ai posteri
L’ardua sentenza: nui
Chiniam la fronte al Massimo
Fattor, che volle in lui
Del creator suo spirito
Più vasta orma stampar.

La procellosa e trepida
Gioia d’un gran disegno,
L’ansia d’un cor che indocile
Serve, pensando al regno;
E il giunge, e tiene un premio
Ch’era follia sperar;

Tutto ei provò: la gloria
Maggior dopo il periglio,
La fuga e la vittoria,

La reggia e il tristo esiglio:
Due volte nella polvere,
Due volte sull’altar.

Ei si nomò: due secoli,
L’un contro l’altro armato,
Sommessi a lui si volsero,
Come aspettando il fato;
Ei fe’ silenzio, ed arbitro
S’assise in mezzo a lor.

E sparve, e i dì nell’ozio
Chiuse in sì breve sponda,
Segno d’immensa invidia
E di pietà profonda,
D’inestinguibil odio
E d’indomato amor.

Come sul capo al naufrago
L’onda s’avvolve e pesa,
L’onda su cui del misero,
Alta pur dianzi e tesa,
Scorrea la vista a scernere
Prode remote invan;

Tal su quell’alma il cumulo
Delle memorie scese!
Oh quante volte ai posteri
Narrar se stesso imprese,
E sull’eterne pagine
Cadde la stanca man!

Oh quante volte, al tacito
Morir d’un giorno inerte,
Chinati i rai fulminei,
Le braccia al sen conserte,
Stette, e dei dì che furono
L’assalse il sovvenir!

E ripensò le mobili
Tende, e i percossi valli,
E il lampo de’ manipoli,
E l’onda dei cavalli,
E il concitato imperio,
E il celere ubbidir.

Ahi! forse a tanto strazio
Cadde lo spirto anelo,
E disperò: ma valida
Venne una man dal cielo,
E in più spirabil aere
Pietosa il trasportò;

E l’avviò, pei floridi
Sentier della speranza,
Ai campi eterni, al premio
Che i desidéri avanza,
Dov’è silenzio e tenebre
La gloria che passò.

Bella Immortal! benefica
Fede ai trionfi avvezza!
Scrivi ancor questo, allegrati;
Chè più superba altezza
Al disonor del Golgota
Giammai non si chinò.

Tu dalle stanche ceneri
Sperdi ogni ria parola:
Il Dio che atterra e suscita,
Che affanna e che consola,
Sulla deserta coltrice
Accanto a lui posò.

"Italia Italy" post

«Il Giro d’Italia è follia: solo una lucida pazzia può infatti spingerti a cento e più all'ora in discesa sotto la pioggia, o a scalare una montagna sui pedali sotto la neve, o a sprintare in mezzo ad altri dieci che ondeggiano, ti stringono, ti tagliano la strada. (Fabio Genovesi, scrittore e sceneggiatore, Forte dei Marmi-Lucca 1974-*)

EXPLICIT La fine di ...

Un giorno di fuoco

di Beppe Fenoglio

(Alba-Cuneo 1922-1963)

Tutti si voltarono in silenzio e lui potè veder bene Nella. Poi si rivoltarono e l’uomo ridiede al cavallo e se ne andarono. Lui non seguì oltre, perché l’aveva vista bene Nella e poi l’ultima curva della pedaggera era per lui la fine del mondo.

Se ne tornò a casa, così pronto e disposto, adesso, ad andar lontano da servitore.

Sogni lungimiranti

L’Europa di oggi è nata dai sogni lungimiranti di statisti “visionari”, che ci hanno regalato quattro generazioni senza guerre e un futuro aperto alle nuove sfide. I padri fondatori erano un gruppo eterogeneo di persone mosse dagli stessi ideali: la pace, l'unità e la prosperità in Europa. I loro nomi sono ormai ... - LEGGI TUTTO

Galleria degli Artisti

Test 7 Letteratura '900

 

1 euro per 'Italia Italy'

 

 

 



 


Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.