Company Logo

L’Italia in una parola

Lo usiamo tutti, più volte al giorno. Lo conoscono in molti, anche all’estero. Il saluto «ciao» è un chiaro segno della nostra lingua ed è la parola italiana più nota all’estero dopo «pizza», talmente comune che a volte la si esprime senza parlare, solo con un gesto della mano.

«Ciao» è  … - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 29 novembre 1223: il papa Onorio III approva la Regola di San Francesco d'Assisi

* 30 novembre 1786: il Granducato di Toscana è il primo Stato ad abolire la pena di morte

INCIPIT L'inizio di ...

Jack Frusciante è uscito dal gruppo

di Enrico Brizzi

Presto sarebbe volato via pure quello stupido febbraio e il vecchio Alex si sentiva profondamente infelice ma in modo distaccato come se la sua vota appartenesse – sensazione fin troppo tipica e cruda ne convengo – a qualcun altro…

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Il futuro dell’Italia passa - secondo noi -  attraverso una solida identità nazionale, intesa come salvaguardia e valorizzazione delle diverse storie e culture, attraverso una più forte appartenenza alle comuni radici europee con la creazione degli Stati Uniti d’Europa, ma anche attraverso relazioni più intense e collaborative fra gli Stati che si affacciano sul Mediterraneo. L’antico Mare Nostrum deve essere un ponte, non una barriera. Italia Italy punta alla valorizzazione del "bello del Bel Paese" e vuole anche farsi portavoce di quanto di positivo c’è ed emerge dai Paesi del Mediterraneo ...

Una comunità di 23 Stati, fra i quali l’Italia può giocare un ruolo importante e proporre valori e prospettive che hanno segnato lo sviluppo e l’affermazione dei diritti civili fondamentali.  

Sono 23 i Paesi dell’area mediterranea: Italia, Francia, Spagna, Monaco, Gibilterra (Regno Unito), Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Palestina, Israele, Libano, Siria, Turchia, Cipro, Akrotiri e Dhekelia sull’isola di Cipro (Regno Unito), Malta, Grecia, Albania, Montenegro, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Slovenia. Tante storie, tanti contrasti nel passato, tante divisioni ancora oggi. Non sarà però la miope rivalità a garantire un futuro di pace e prosperità. Solo con collaborazioni, scambi, progetti comuni, impegno per il superamento dei fondamentalismi, affermazione dei diritti civili, nuove conquiste sociali si possono allontanare le ombre dal futuro. In questo scenario la Costituzione Italiana e i principi dell’Unione Europea sono una guida, insieme con le tante seppur frammentarie proposte del nord Africa e del Medio Oriente. L’affermazione dello Stato di diritto, la democrazia secondo scelte autonome, l’abolizione della pena di morte, una vera uguaglianza dei cittadini senza distinzione di sesso religione razza opinioni politiche, la priorità dei valori sociali, la lotta al terrorismo e una forte promozione dell’istruzione e della cultura sono tra le scelte fondamentali per favorire lo sviluppo della comunità mediterranea.

Con queste prospettive Italia Italy nella sezione Noi Mediterraneo accoglie proposte, contributi anche istituzionali, eventi e scelte nel segno di una forte amicizia fra i diversi popoli che si affacciano sul Mare Nostrum. (F.d’A.)   

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

 

Ciak con tante storie

Sfumature della Repubblica Ceca dal grigio al rosa, tra storie del passato e storie d’amore. C’è una Repubblica Ceca immortale, catturata da pellicole cinematografiche intramontabili e sempre più spesso dai ciak più recenti. A volte al naturale, spesso rimaneggiati per essere spacciati per altri luoghi ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Le difficoltà piegano alcuni uomini, ma ne rafforzano altri. Non esiste ascia sufficientemente affilata da poter tagliare l’anima di un peccatore che continua a provare, animato solo di speranza, con la convinzione che alla fine riuscirà ad alzarsi». (Nelson Mandela, presidente del Sudafrica, 1918-2013)

EXPLICIT La fine di ...

Il potere e la gloria

di Graham Greene

«Se poteste lasciarmi entrare» disse l’uomo con uno strano sorriso sgomento; e abbassando d’un tratto la voce, disse al ragazzo: «Io sono un prete». «Voi?» esclamò il ragazzo. «Sì» egli fece dolcemente «Il mio nome è Padre…». Ma il ragazzo aveva già spalancato la porta, e prima che l’altro potesse darsi un nome, s’era già portata la sua mano alle labbra.

Galleria degli Artisti

Test 1 Storia del '900

 

Grandi eventi

1 euro per 'Italia Italy'

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.