Company Logo

Petrarca, ‘Italia mia’

Francesco Petrarca dedica all’Italia il componimento CXXVIII del Canzoniere, Italia mia, benché 'l parlar sia indarno. La canzone viene composta probabilmente tra la fine del 1344 e il 1345, mentre il poeta si trova a Parma e si svolge una guerra per la conquista della città tra Gonzaga e Visconti da una parte   - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 18 settembre 1860: Battaglia di Castelfidardo, l’esercito sabaudo sconfigge le truppe pontificie

* 18 settembre 1938: a Trieste Benito Mussolini presenta per la prima volta le Leggi Razziali

INCIPIT L'inizio di ...

La sonata a Kreutzer

di Lev Tolstoj

Era l’inizio della primavera. Il viaggio durava già da più di un giorno. Nella nostra carrozza salivano e scendevano i passeggeri delle tratte più brevi, ma c’erano altre tre persone, oltre a me, in viaggio sin dalla stazione di partenza: una donna brutta e non giovane, fumatrice, con il volto segnato, un paltò quasi da uomo e un cappellino; un suo conoscente, un tipo loquace sulla quarantina, con bagagli e accessori nuovi e impeccabili; e un signore di bassa statura che rimaneva sulle sue e si muoveva a scatti, ancora piuttosto giovane, ma con capelli ricci precocemente ingrigiti e un singolare scintillio negli occhi che si muovevano con grande rapidità da un oggetto all’altro…

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Italia: un nome dalle radici anti- chissime, che sfociano nel mito e nella leggenda fra tori e tramonti infuocati. Numerose so- no le ricerche e le interpre- tazioni degli studiosi di ogni epoca e molte le origini di un nome che si è affermato definitivamente già prima di Cristo, alla fine della Repubblica Romana. Ricchissima la letteratura in proposito, vediamo solo qualche cenno. Conquistati da Roma, nell’88 a.C. gli Italici ottengono la cittadinanza romana, ma in quegli anni è già in circolazione la prima moneta della storia su cui compare a caratteri latini, e quindi come oggi, il nome Italia. Nell’81 ...

a.C. Silla dà un significato politico ufficiale al nome Italia, che si estendeva alle regioni della penisola e alla Liguria. Sarà poi Giulio Cesare, nel 45 a.C. dopo le vittorie sulla Gallia, a estendere il nome alle altre regioni del nord. Fra le leggende sull’origine del nome Italia c’è quella che lo fa risalire al re Italo del popolo degli Enotri, che sarebbe vissuto sedici generazioni prima della guerra di Troia e avrebbe reso stanziale il popolo fino ad allora nomade. Strabone, geografo greco del I secolo a.C., parla di Pandosia Bruzia (nei pressi dell’attuale Cosenza), come capitale del regno di Italo.

I termini Italía e Italói compaiono inizialmente in autori greci. Italía è citata per la prima volta da Erodoto (1.24.1). Inizialmente il termine si riferisce al territorio della Calabria (l’antico Brutium) e poi viene esteso agli altri territori occupati dai Greci (la Magna Grecia). 

Secondo un’altra ipotesi, il nome Italia deriverebbe non dai Greci, ma dagli Etruschi. Apollodoro considera il termine greco italòs (toro) di derivazione etrusca: italò viene collegato al latino vitulus (vitello), all’umbro vitlu, al prelatino bìttalu della Sardegna. Per Ellanico presso Dionisio d'Alicarnasso (I 35) l'Italia è Ouitoulía (terra dei vitelli). Questa connessione è sostenuta anticamente anche da Timeo, Varrone, Gellio, Festo.

Ai tori è legata anche la leggenda di Ercole, che da italòs (vitello) avrebbe chiamato Italìa la terra da dove si era buttato in mare il vitello trascinando dalla Calabria alla Sicilia la mandria. La decima delle fatiche dell’eroe è proprio quella di strappare la mandria al gigante Gerione; poi Ercole attraversa a nuoto lo Stretto di Messina per recuperare il bestiame. 

Terra fiammeggiante, fumante o infuocata sarebbe l’Italia secondo un’altra interpretazione etimologica del nome, passato da Aithalía a Eitalía, Etalía, Italía: la parte iniziale Aith- è tipica di parole riferite al fuoco ed è la stessa origine di Etna, il vulcano fiammeggiante. Il riferimento sarebbe alla presenza di vulcani e di fornaci di metalli oppure alla pratica della debbiatura, l'antica pratica di bruciare i terreni prima per disboscarli, poi per prepararli alla semina.

I fuochi richiamano anche i bagliori del tramonto e dai Greci l'Italia era chiamata anche terra del tramonto infuocato in quanto a occidente del loro Paese. Terra del tramonto sarebbe l’Italia anche secondo un’altra interpretazione, che preferisce un’origine semitica e fa derivare il nome dal termine accadico Atalu.  

Studi, ricerche e interpretazioni si sono susseguiti nel tempo, tra conferme, precisazioni e smentite, che danno una sola certezza: il nome Italia è antichissimo ed è difficile risalire a una origine precisa e ben definita. (Felice d'Adamo)                                                

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Amore e violenza

Sulle quiete e dolci acque del Lago d’Iseo di tanto in tanto, tra primavera ed estate, si scatena la sarneghera. Una violenta tempesta di vento che scuote il Sebino e i paesi che lo circondano provocando danni ingenti e suscitando paure, tradotte nei secoli in leggenda. L’evento, dai toni cupi ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Sentirsi comunità significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri. Significa “pensarsi” dentro un futuro comune, da costruire insieme. Significa responsabilità, perché ciascuno di noi è, in misura più o meno grande, protagonista del futuro del nostro Paese. Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore». (Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana, Palermo 1941-*)

EXPLICIT La fine di ...

Il piacere

di Gabriele D’Annunzio

Andrea fuggì, quasi folle. Prese la via del Quirinale, discese per la Quattro Fontane, rasentò i cancelli del palazzo Barberini che mandava dalle vetrate baleni; giunse al palazzo Zuccari.

I facchini scaricavano i mobili da un carretto, vociando. Alcuni di costoro portavano già l’armario su per la scala, faticosamente.

Egli entrò. Come l’armario occupava tutta la larghezza, egli non poté passare oltre. Seguì, piano piano, di gradino in gradino, fin dentro la casa.

Galleria degli Artisti

Test 1 Letteratura 900

 

Grandi eventi

Sostieni «Italia Italy»

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.