Company Logo

Petrarca, ‘Italia mia’

Francesco Petrarca dedica all’Italia il componimento CXXVIII del Canzoniere, Italia mia, benché 'l parlar sia indarno. La canzone viene composta probabilmente tra la fine del 1344 e il 1345, mentre il poeta si trova a Parma e si svolge una guerra per la conquista della città tra Gonzaga e Visconti da una parte   - LEGGI TUTTO

Accadde oggi ...

L'ITALIA NELLA STORIA

* 18 settembre 1860: Battaglia di Castelfidardo, l’esercito sabaudo sconfigge le truppe pontificie

* 18 settembre 1938: a Trieste Benito Mussolini presenta per la prima volta le Leggi Razziali

INCIPIT L'inizio di ...

La sonata a Kreutzer

di Lev Tolstoj

Era l’inizio della primavera. Il viaggio durava già da più di un giorno. Nella nostra carrozza salivano e scendevano i passeggeri delle tratte più brevi, ma c’erano altre tre persone, oltre a me, in viaggio sin dalla stazione di partenza: una donna brutta e non giovane, fumatrice, con il volto segnato, un paltò quasi da uomo e un cappellino; un suo conoscente, un tipo loquace sulla quarantina, con bagagli e accessori nuovi e impeccabili; e un signore di bassa statura che rimaneva sulle sue e si muoveva a scatti, ancora piuttosto giovane, ma con capelli ricci precocemente ingrigiti e un singolare scintillio negli occhi che si muovevano con grande rapidità da un oggetto all’altro…

Cara italia, ...

Volti del Made in Italy

Pagina dopo pagina

Brevi annunci gratuiti

Per secoli il viaggio in Italia è stato nei sogni di molti, ovunque in Europa. La formazione culturale non poteva non concludersi che con il Grand Tour, un vero pellegrinaggio da ogni angolo dell’Europa alla scoperta del nostro straordinario patrimonio culturale e di una civiltà millenaria. Attuato già durante il Rinascimento, ebbe un successo strepitoso soprattutto nel Settecento. Alla fine del Seicento parlò del Grand Tour Richard Lassels nella sua guida Voyage of Italy e per tutto il Settecento il viaggio in Italia divenne una vera e propria mania fra le classi che se lo potevano permettere. Molti ...

giovani venivano in Italia per imparare a conoscere l’arte, la cultura, le testimonianze dell’antichità. Il giro turistico per le storiche città d’arte offrivaopportunità di conoscenza, studio, acquisti, anche se non mancavano le difficoltà, come le strade dissestate, e i pericoli, come il brigantaggio. Con intellettuali e ricchi borghesi venivano in Italia tanti studenti con l’obiettivo di apprendere antichi modelli. Nell’Ottocento un viaggio in Italia divenne una moda e un momento di formazione anche per le giovani di alto rango. Il Grand Tour era molto di più di un semplice viaggio turistico: era un periodo di straordinaria formazione a contatto con una storia e una cultura eccezionali. Ogni uomo di cultura europeo sognava di fare almeno un viaggio in Italia, per le testimonianze del passato classico greco e romano, per gli splendidi paesaggi bucolici, per le tante feste e gli innumerevoli spettacoli musicali e teatrali.

Roma era la meta principale, ma anche Napoli, Firenze, Venezia, Torino, Milano e la Sicilia ebbero un ruolo di primo piano. A Roma e nelle altre città d’arte erano attivi molti pittori, che realizzavano ritratti e vedute del nostro paesaggio; c’erano anche artisti stranieri che si proponevano anche come guide per i loro connazionali, come i soci dell’Accademia di Francia. Scrittori, artisti, uomini politici, ricchi borghesi, appassionati della cultura e dell’arte intrapresero il Grand Tour in Italia. Goethe lo fece fra il 1776 e il 1778, fuggendo da Weimar di nascosto e sotto falso nome, per godersi l’Italia, il Paese dei suoi desideri e della sua nostalgia, senza dover rendere conto a nessuno. Lunga è la lista dei viaggiatori stranieri in Italia, da Milton a Marvell, da Harvey, Jean-Pierre Houel, Charles Didier, Thomas Gray, Chateaubriand, Thomas Hobbes, Madame de Stael, George Sand. E molti hanno lasciato coinvolgenti diari di viaggio, come il già citato Richard Lassels, Philip Skippon, William Acton, John Evelyn,  John Raymond. Il coinvolgimento emotivo e l’entusiasmo dei viaggiatori è espresso, fra gli altri, dallo scrittore inglese Joseph Addison, che nel 1765 scriveva: "Non esiste sicuramente altro luogo al mondo in cui un uomo possa viaggiare con maggior piacere e beneficio dell'Italia...E’ la grande scuola della musica e della pittura, e in essa vi sono tutte le più nobili opere di scultura e di architettura, sia antiche che moderne”.

Nel mondo sempre più globalizzato rincorriamo modelli stranieri e dimentichiamo il nostro patrimonio e le opportunità che hanno segnato il prestigio internazionale dell’Italia nei secoli passati. Arte, cultura, bellezze naturali e turismo potrebbero offrire pure oggi straordinarie prospettive anche economiche. Mancano strategie globali di promozione all’estero dell’immagine del nostro Paese; prevalgono spesso autolesionismo e veti incrociati; squallide beghe politiche e di parte fanno dimenticare i grandi valori e la straordinaria ricchezza costruita e tramandata da chi ci ha lasciato una grande eredità che dovremmo custodire gelosamente per affidarla alle nuove generazioni. Una pagina splendida del nostro passato culturale è indubbiamente il Grand Tour. Un mito italiano che, con l'impegno di tutti, potrebbe tornare. (Felice d'Adamo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Amore e violenza

Sulle quiete e dolci acque del Lago d’Iseo di tanto in tanto, tra primavera ed estate, si scatena la sarneghera. Una violenta tempesta di vento che scuote il Sebino e i paesi che lo circondano provocando danni ingenti e suscitando paure, tradotte nei secoli in leggenda. L’evento, dai toni cupi ... - LEGGI TUTTO

"Italia Italy" post

«Sentirsi comunità significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri. Significa “pensarsi” dentro un futuro comune, da costruire insieme. Significa responsabilità, perché ciascuno di noi è, in misura più o meno grande, protagonista del futuro del nostro Paese. Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore». (Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana, Palermo 1941-*)

EXPLICIT La fine di ...

Il piacere

di Gabriele D’Annunzio

Andrea fuggì, quasi folle. Prese la via del Quirinale, discese per la Quattro Fontane, rasentò i cancelli del palazzo Barberini che mandava dalle vetrate baleni; giunse al palazzo Zuccari.

I facchini scaricavano i mobili da un carretto, vociando. Alcuni di costoro portavano già l’armario su per la scala, faticosamente.

Egli entrò. Come l’armario occupava tutta la larghezza, egli non poté passare oltre. Seguì, piano piano, di gradino in gradino, fin dentro la casa.

Galleria degli Artisti

Test 1 Letteratura 900

 

Grandi eventi

Sostieni «Italia Italy»

 




Powered by Joomla!®. Valid XHTML and CSS.